Dopo ‘Papillon’ un altro orso allarma il Trentino: è salito al secondo piano di una casa

Il plantigrado si è fatto vedere in provincia di Trento, ieri sera, nella zona di Nomi e Calliano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TRENTO – Avvistato un giovane orso la scorsa notte, prima in prossimità di Nomi (Trento) verso le 22 e poco più tardi nel centro di Calliano (Trento).

A Calliano l’orso, verso le 22.30, è salito fino al secondo piano di una casa, utilizzando una scala esterna ed arrivando su un poggiolo. Poi, con ogni probabilità spaventato, si è calato in strada dal balcone e si è allontanato.

I motivi che hanno spinto l’esemplare a tenere questo comportamento non sono chiari -ammette la Provincia autonoma di Trento in una nota-; il monitoraggio ad hoc che verrà attivato consentirà di stabilire se si tratta di un episodio isolato o se evidenzia una precisa attitudine del plantigrado. Sono stati raccolti dei campioni di pelo che dovrebbero consentirne l’identificazione.

Nello specifico, si tratta di un esemplare probabilmente in fase di dispersione che potrebbe dunque anche percorrere ancora parecchia strada; anche questo potrà essere verificato nel tempo. Al momento, rimarca la Provincia, è l’unico esemplare la cui presenza è nota in Trentino orientale, dopo la recente cattura di M49 (soprannominato Papillon) ed il suo trasporto all’interno dell’area faunistica del Casteller.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»