Croce Rossa di Napoli dona all’ospedale Cotugno ambulanza con barella di biocontenimento

"La caratteristica di queste barelle è che oltre ad essere operative in pochi minuti, non permettono la contaminazione dei mezzi di trasporto"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – La Croce Rossa di Napoli ha dato in dotazione all’ospedale Cotugno, in prima linea nella lotta al Covid, un’ambulanza con una barella di biocontenimento a pressione negativa, strumento di ultima generazione nella lotta al coronavirus. Le barelle di biocontenimento sono utilizzate per il trasporto degli individui colpiti da malattie altamente contagiose come il Covid-19 e sono composte da un telaio metallico che sostiene tutta la struttura e un involucro trasparente in pvc che si montano su una barella di trasporto in alluminio. Un sistema di batterie alimenta la ventilazione e gli operatori possono assistere i pazienti dall’esterno dell’involucro in PVC grazie a delle speciali maniche laterali che permettono di effettuare tutte le manovre terapeutiche necessarie.

“La caratteristica di queste barelle – spiega Paolo Monorchio, presidente del comitato di Napoli della Croce Rossa – è che oltre ad essere operative in pochi minuti, non permettono la contaminazione dei mezzi di trasporto, sono collegabili ad ogni tipologia di barella, sono facili da decontaminare, creano un microclima ottimale per il paziente e non permettono accumulo di umidità. L’area di contenimento che si sovrappone alla barella “semplice” protegge operatori e tutte le altre persone esposte agli agenti infettivi protezione di operatori e di altri soggetti nei confronti dell’esposizione ad agenti potenzialmente infettivi. La barella inoltre può essere trasportata in qualunque ambulanza, ma anche in elicotteri o aereo”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

6 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»