Conte: “Voto in estate? Se ok Parlamento, non mi oppongo. Governo con Zaia? Con la Lega ho già dato”

Il premier sulle regionali passa la palla al Parlamento: "Se dovesse valutare la possibilità di votare in luglio o agosto, io non mi opporrei"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Palla al Parlamento”. Le elezioni regionali potranno tenersi in estate, nella finestra di luglio-agosto come chiedono alcuni presidenti di regione? “Come Consiglio dei ministri lo avevamo escluso perché ci pareva prematuro”, ha detto il premier Giuseppe Conte a Il Fatto Quotidiano, “ma se il Parlamento dovesse valutare, alla luce dei dati attuali, la possibilità, io non mi opporrei”. Il presidente del consiglio precisa che in ogni caso per il referendum istituzionale “visto che si tratta di votazioni su tutto il territorio nazionale, la finestra elettorale più adatta rimane quella autunnale“.

LEGGI ANCHE: Zaia: “Io offusco Salvini? È un periodo particolare”. E spinge per l’election day il 12 luglio

“UN GOVERNO CON ZAIA AL POSTO DI SALVINI? CON LA LEGA HO GIÀ DATO

“Abbiamo un buon rapporto” con il presidente della regione Veneto Luca Zaia. “Di correttezza istituzionale. Ma mi tengo stretto questo governo. L’esperienza con la Lega l’ho già vissuta. Basta così, grazie”. Risponde così al Fatto Quotidiano il presidente del consiglio in relazione all’ipotesi di un governo di unità nazionale in cui la Lega entri in maggioranza sotto la guida non più di Matteo Salvini ma di Luca Zaia.

LEGGI ANCHE: VIDEO | L’esperta di comunicazione: “Discorso Conte? Un flop”. Ma bastona anche Salvini e Renzi: “Annaspano”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

6 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»