Medio Oriente, tregua tra Hamas e Israele. Oltre 20 morti

Il cessate il fuoco è entrato in vigore alle 4.30 di oggi dopo giorni di violenze. Sono stati lanciati oltre 300 razzi. Tra le vittime due donne incinte e una 14enne
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un cessate-il-fuoco è entrato in vigore dalle 04.30 di oggi, ora di Gaza, tra Hamas e Israele, dopo il crescendo di violenze degli scorsi giorni e dopo 23 vittime tra i civili, tra cui due donne incinte e una ragazza di 14 anni, e di 4 morti tra gli israeliani, secondo quanto riportano fonti concordanti.

La tregua è stata raggiunta con la mediazione dell’Egitto, secondo quanto indicato dalla stampa palestinese. L’accordo prevede, secondo le stesse fonti, lo stop ai raid israeliani contro la Striscia, l’apertura dei valichi di frontiera e la fine di violenze mirate contro pescatori, agricoltori e manifestanti.


Sul fronte delle richieste fatte ad Hamas non sono noti molti dettagli ma, sottolinea ‘Middle East Eye’, non ci sono stati altri lanci di razzi dopo l’annuncio del cessate-il-fuoco. Le violenze sono esplose venerdì, dopo uno scontro a fuoco tra militari israeliani e militanti del gruppo della Jihad islamica.

Nei giorni successivi, si stima che oltre 600 razzi siano stati lanciati dalle basi di Hamas verso Israele, e che gli israeliani abbiano condotto oltre 300 attacchi aerei sulla striscia.

(Foto prese da Twitter)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»