Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Sanità, edizione del 6 maggio 2019

https://www.youtube.com/watch?v=E-1r9G6MvdQ&feature=youtu.be CARENZA MEDICI, IN UN ANNO 3MILA RICHIESTE PER CAMICI BIANCHI STRANIERI Sono 3mila le richieste di assunzione di camici bianchi arrivate
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

https://www.youtube.com/watch?v=E-1r9G6MvdQ&feature=youtu.be

CARENZA MEDICI, IN UN ANNO 3MILA RICHIESTE PER CAMICI BIANCHI STRANIERI

Sono 3mila le richieste di assunzione di camici bianchi arrivate in un anno all’Associazione dei medici di origine straniera in Italia da parte di strutture sanitarie italiane, pubbliche e private, per fronteggiare la carenza di personale dovuta ai pensionamenti. Su un totale di 6mila professionisti della sanita’ richiesti, 3mila sono appunto medici, 2.600 infermieri e 400 i fisioterapisti. A farlo sapere è il presidente dell’Amsi, Foad Aodi. Le maggiori richieste siano pervenute dal Veneto (400), seguito da Piemonte (350), Lombardia (350), Puglia (300) e Lazio (250). In molti casi i medici stranieri sono sottopagati, ha denunciato Aodi.

SIS 118 LANCIA APPELLO PER MOBILITÀ NAZIONALE CARDIOPROTETTA

Dopo il decesso del turista olandese, il 28 aprile scorso, sul volo Catania-Amterdam, il SIS 118 ha lanciato un appello ai ministri della Salute Giulia Grillo e dei Trasporti Danilo Toninelli, attraverso le parole del presidente Mario Balzanelli, sulla “necessità di assicurare al Paese un progetto nazionale di ‘mobilità cardioprotetta’. È impensabile- ha dichiarato Balzanelli- non prevedere istituzionalmente l’obbligo della presenza a bordo di tutti i mezzi di trasporto pubblico di un defibrillatore semiautomatico (DAE) e di personale addestrato”. Una misura salva-vita che il presidente ha definito “un’irrinunciabile dimensione di civiltà”.

DOTTORI E INFERMIERI CANTANO INSIEME PER LA PULIZIA DELLE MANI

“Per un mondo diverso senza sporco e batteri, agite dottori e infermieri”. La Fondazione Giglio di Cefalù, con un video in cui rielabora il testo della canzone “Una vita in vacanza” de ‘Lo Stato Sociale’ e che vede protagonista il personale impegnato ogni giorno nelle corsie dell’ospedale, scende in campo contro le infezioni ospedaliere. L’iniziativa è stata presa in occasione della giornata mondiale dell’igiene delle mani, promossa domenica dall’Organizzazione mondiale della sanità. I numeri sono preoccupanti. Secondo l’Istituto Superiore di Sanità su nove milioni di ricoveri annui da 450 a 700mila persone si ammalano di infezioni ospedaliere pari a una percentuale che va dal 5 all’8 per cento di tutti i ricoveri. Ogni anno in Italia, riporta il Centro Europeo per le malattie infettive, 7.800 persone perdono la vita a causa di infezioni antibiotico resistenti contratte nel corso del ricovero ospedaliero.

A BOLOGNA TORNANO LE ‘TERME MILLENARIE’, IN PIAZZA MAGGIORE MEDICI E DIMOSTRAZIONI PER CITTADINI

Le acque termali come elemento fondamentale nella prevenzione e nella cura di numerose patologie, dall’osteoporosi alle malattie dermatologiche, e per il mantenimento di una buona condizione di salute. A Bologna, per la seconda edizione di “Terme millenarie”, il gruppo Monti ha chiamato a raccolta scienziati e medici per fare il punto sul “ruolo delle terme nella salute dei cittadini”. Una giornata di approfondimento che ha avuto un parte congressuale, con il convegno medico-scientifico “Terme: riabilitazione e salute”, e una ‘dimostrazione pratica’ in piazza Maggiore, dove dottori e operatori dei centri del Mare termale bolognese si sono messi a disposizione dei cittadini per test sullo stato generale di salute e sessioni di fitness sul Crescentone, alle quali hanno partecipato anche i ragazzi delle giovanili del Bologna Calcio. Studi recenti sui ‘microtuboli cellulari’- una fitta rete di microscopici canali- hanno dimostrato che non solo trasportano l’acqua all’interno delle cellule, ma addirittura generano un campo elettromagnetico e funzionano come un circuito meccanico-luminoso, capace di influire sullo sviluppo delle cellule staminali. Il solfuro di idrogeno e’, invece, al centro di uno studio dell’Istituto Ortopedico Rizzoli sulla prevenzione e sulla cura dell’osteoporosi, una patologia che colpisce 200 milioni di persone nel mondo ed e’ la principale causa di fratture nelle persone anziane. Ascoltiamo le parole di Antonio Monti direttore scientifico Gruppo Monti Salute più sull’importanza di questi studi e di Franco Furia medico Gruppo Monti Salute piu’ che ha spiegato l’importanza del movimento fisico per tutti e ad ogni eta’.

RADIOMICA, UN PONTE TRA ITALIA E CINA PER NUOVE TERAPIE

Un accordo di cooperazione scientifica per condividere immagini di risonanza magnetica ottenute da pazienti con patologie neoplastiche e realizzare analisi radiomiche e imaging quantitativo. Nasce con questo obiettivo il progetto tra Italia e Cina, sottoscritto dal presidente della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli, Giovanni Raimondi, dal professor Giovanni Scambia, direttore scientifico della Fondazione, e da Lang Jinyi, presidente del Sichuan Cancer Hospital and Institute. L’integrazione delle informazioni cliniche consentirà d’identificare al meglio l’iter terapeutico più efficace. “L’accordo con l’Università cinese di Chengdu- ha spiegato Vincenzo Valentini, coordinatore scientifico del progetto- sancisce un’importante collaborazione su una modalità innovativa, che si chiama radiomica, che può predire risultati clinici e captare l’aggressività delle varie patologie”.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»