Elementor #199206

"Rischio per la democrazia se una forza politica che ha preso 11 milioni di voti riceve solo due di picche quando va a trattare con le altre forze politiche"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’Europa e i mercati finanziari sono tranquilli perché a differenza della fase del 2011 quando i mercati si innervosirono moltissimo, stavolta titoli italiani sono comprati in larga parta non dal mercato ma dalla Bce con il Qe”. Mario Monti lo dice a In Mezzora su Rai3.

“Questo spiega la piattezza assoluta dei tassi di interesse che in altre situazioni avrebbero visto fibrillazioni”, prosegue Monti, “ma quelli che vogliono costruire un’Europa più efficace non sono tranquilli perche l’Italia è assolutamente necessaria” mentre è da evitare “il vuoto dell’Italia nella costruzione dell’Europa quando ce ne sarebbe grande bisogno e sarebbe nostro grande interesse nazionale esserci”.

SAREBBE DELETERIO ALLINEARSI SU POSIZIONI VYSEGRAD

“L’Europa non fa differenza tra un governo tecnico e un governo politico”. Mario Monti lo dice a In mezz’ora in più su Rai3.

Però “sarebbe deleterio per l’Italia prima che per l’Europa se si allineasse alle posizioni di Vysegrad”, il blocco dei Paesi dell’est che si oppongono a diverse politiche Ue prima di tutto quella sui migranti, “ma Orban (il premier ungherese, ndr) siede al tavolo del Partito popolare con Merkel”, spiega Monti, “l’Europa è molto tollerante, anche a volte cinicamente tollerante”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»