Nella Valle del Sacco acque ancora inutilizzabili nei campi

ROMA - “Le acque della Valle del
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

valle del saccoROMA – “Le acque della Valle del Sacco sono ancora inutilizzabili per scopi agricoli. Finché l’acqua del fiume non sarà utilizzabile non sarà possibile industrializzare l’area”. Lo ha detto il sostituto procuratore della Repubblica presso il tribunale di Velletri, Giuseppe Travaglini, durante un’audizione avvenuta questo pomeriggio alla Commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti.

La problematica è risalente alla fine degli anni Ottanta, in seguito alla produzione di un pesticida, il lindano, da parte di un’azienda del luogo. La zona di Colleferro, ha proseguito Travaglini, “presenta situazioni significative, perché oltre ad aziende chimiche e aerospaziali, sono presenti grosse discariche e due termovalorizzatori”. Tra le criticità emerse nell’audizione, le poche risorse a disposizione della Procura: “Solo dodici gli uomini del Corpo Forestale a disposizione su un territorio che conta 650mila abitanti”, ha proseguito. Travaglini, infine, ha sottolineato che molte inchieste – tra le quali quelle sull’inceneritore di Colleferro e la discarica di Roncigliano – sono dal 2008 di competenza della Procura di Roma. Da allora la Procura di Velletri si occupa solo di problematiche di tipo amministrativo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»