hamburger menu

Ucraina, dagli Usa altri 100 milioni di dollari in armi: “Risposta alle atrocità di Bucha”

Dall'inizio dell'amministrazione Biden, gli Stati Uniti hanno sostenuto la difesa ucraina per 2,4 miliardi di dollari. E sono pronte nuove sanzioni contro la Russia

Joe Biden_Imagoeconomica_1648383-min

ROMA – L’invio di altri cento milioni di dollari di armamenti anti-carro all’Ucraina è stato annunciato dal governo degli Stati Uniti, anche sulla scia delle “sconvolgenti atrocità” delle forze armate russe denunciate nei giorni scorsi dal governo di Kiev a Bucha, sobborgo della capitale ucraina.

LEGGI ANCHE: Von der Leyen e Borrell in missione a Kiev. Pronte nuove sanzioni Ue contro la Russia

Con questo ultima tranche di aiuti l’ammontare complessivo del sostegno americano alla difesa ucraina sale a 2,4 miliardi dall’inizio dell’amministrazione del presidente Joe Biden, cominciata nel gennaio 2021, e a 1,7 miliardi dall’inizio dell’offensiva militare russa, lanciata da Mosca lo scorso 24 febbraio.

LEGGI ANCHE: L’ambasciatrice della Polonia: “Liquidare Putin adesso o guerra e morti continueranno”

In un comunicato pubblicato ieri il segretario di Stato Antony Blinken ha affermato che le armi che verranno spedite in Ucraina intendono “soddisfare l’urgente necessità di nuovi mezzi anti-carro” delle forze armate di Kiev. Secondo quanto riferito da fonti della Casa Bianca ai media internazionali, nello specifico gli Usa avrebbero autorizzato l’invio di anti-carro portatili Javelin, uno dei mezzi più devastanti contro i mezzi russi a detta di diversi esperti militari concordanti.

LEGGI ANCHE: Ucraina, Draghi: “Crimini di guerra devono essere puniti, Putin ne dovrà rispondere”

Ad aprire la nota di Washington un riferimento ai presunti crimini commessi dall’esercito russo nella città di Bucha dove le forze armate di Mosca avrebbero torturato e ucciso centinaia di persone, stando alle denunce del governo ucraino. Oggi, secondo quanto anticipato dall’emittente americana Cnn, il governo a guida Biden si prepara ad annunciare nuove sanzioni nei confronti di Mosca in coordinamento con l’Unione Europea e il G7. Tra le misure imposte a partire da oggi ci dovrebbe essere anche un blocco a tutti gli investimenti in Russia.

LEGGI ANCHE: Ucraina, Papa Francesco: “Assistiamo all’impotenza dell’Onu”

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-04-07T14:40:24+02:00

Ti potrebbe interessare: