Uno sciamano anche a Montecitorio: “Vogliamo entrare in Parlamento”

Sul palco, pochi istanti prima degli scontri, era salito Vittorio Sgarbi che aveva parlato di un Governo che “ammala i sani e non guarisce i malati”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – C’è anche un uomo travestito da Jake Angeli, con tanto di corna e volto dipinto tricolore, tra i manifestanti coinvolti nello scontro con le forze dell’ordine a Montecitorio. “Non vogliamo fare incontri, vogliamo entrare in Parlamento” urla uno di loro nel megafono a pochi centimetri dal cordone della polizia che pochi minuti fa i manifestanti hanno provato a sfondare.

La tensione è ancora altissima dopo i 5 minuti di follia in cui la protesta è sfociata in violenza con spinte, manganellate, calci e pugni, transenne gettate a terra, lancio di oggetti. Un uomo portato via dagli agenti e immobilizzato a terra. Sul palco pochi istanti prima era salito Vittorio Sgarbi che fra le ovazioni della piazza aveva parlato di un Governo che “ammala i sani e non guarisce i malati”, in una piazza nervosissima dalla quale si levavano cori e insulti contro il ‘Palazzo’.

Alla protesta partecipano esercenti di attività sportive, ristoratori in gran parte riuniti sotto la sigla Mio Italia. Ci sono anche le insegne del Movimento di Gianluigi Paragone Italexit. Presenti anche esponenti di Casapound e Forza Nuova, e gli aderenti all’associazione ‘Io Apro’.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Covid, scontri in piazza Montecitorio: lanci di oggetti poi carica Polizia

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»