Identificati gli autori del pacco a Bonaccini: hanno diffuso video sui social

Stefano Bonaccini presidente Regione Emilia-Romagna
I due hanno pubblicato la clip della consegna del pacco 'Frode Covid' al governatore. La Procura di Modena ha aperto un fascicolo per molestie aggravate
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MODENA – I Carabinieri hanno individuato e identificato i due individui che hanno consegnato il pacco ‘Frode Covid’ ieri a casa del presidente della Regione Stefano Bonaccini, a Campogalliano. Del resto, a quanto pare, sono stati gli stessi autori a facilitare il lavoro di Arma e Digos, al lavoro da ieri sulla vicenda: infatti, il video della consegna è stato diffuso oggi sui social network, e i militari hanno ricostruito l’identità dei diretti interessati deferendoli in Procura a Modena. Mentre l’apertura di un fascicolo per molestie aggravate è a cura del procuratore Giuseppe Di Giorgio, che non ravviserebbe un contesto particolarmente violento e organizzato alla base del blitz, nel video i “due modenesi” che si presentano a casa di Bonaccini parlano di “farsa” e dicono, interpellati dallo stesso presidente sul motivo della loro presenza sul posto, di volergli restituire “un po’ di pacco al pacco che sta facendo la Regione Emilia-Romagna” in questa fase di emergenza. Bonaccini risponde in sostanza “stiamo facendo tutto quello che possiamo”, ma i due insistono sostenendo che “è tutto vuoto” negli ospedali.

LEGGI ANCHE: Covid, Bonaccini: “Se la curva continua a scendere, possiamo valutare riaperture parziali”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»