Draghi ‘soddisfatto’ della Libia sui migranti, è polemica: “Ignora violazioni diritti umani”

I partiti di sinistra e centrosinistra attaccano il premier: "Parole inaccettabili, in Libia torture e violenze"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Il premier Mario Draghi vola in Libia per riannodare i fili della diplomazia italiana nel versante sud del Mediterraneo ed esprime la propria “soddisfazione” per il lavoro svolto dalla Guardia Costiera libica in tema di migranti. Un’affermazione che trascina il premier al centro della bagarre politica, scatenando le critiche dei partiti di sinistra e di centrosinistra che definiscono “inaccettabili” le parole di Draghi, colpevole di ignorare “violenze e torture” ed una “sistematica violazione dei diritti umani”.

BOLDRINI: GRAVE DRAGHI DIMENTICHI TORTURE NEI CAMPI LIBICI

“L’Italia deve contribuire alla stabilizzazione e alla pace della Libia, dopo la terribile guerra civile fomentata anche da potenze straniere. Grave che Draghi abbia ignorato le violenze e le torture, subite dai migranti nei campi di detenzione, denunciate dall’ONU”. A dirlo su twitter l’ex presidente della Camera Laura Boldrini, deputata del Pd.

ORFINI: DRAGHI SODDISFATTO? INACCETTABILE

“Draghi ha espresso “soddisfazione” per quello che la Libia fa sul salvataggio dei migranti. Significa dirsi soddisfatti della sistematica violazione dei diritti umani. Era inaccettabile quando lo dicevano i suoi predecessori. È inaccettabile anche oggi che a dirlo è lui”, scrive su Twitter Matteo Orfini, parlamentare del Partito Democratico.

FRATOIANNI: INACCETTABILE SODDISFAZIONE DRAGHI SU LAVORO LIBIA

“Draghi esprime soddisfazione per il lavoro della Libia sui salvataggi? Evidentemente gli sfugge la differenza tra salvataggio e cattura“. Lo afferma il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni replicando alle parole del presidente del consiglio dei ministri da Tripoli.

“In Libia- prosegue l’esponente dell’opposizione di Sinistra Italiana- i migranti vivono in condizioni inumane e atroci, come confermato da tutte le organizzazioni internazionali. Esprimere soddisfazione per il lavoro della Libia su questo fronte mi pare francamente inaccettabile”.

VERDI: DRAGHI IGNORA CRIMINI GUARDIA COSTIERA LIBICA

“Siamo amaramente sorpresi dalle parole del Presidente Draghi in visita in Libia. Dichiararsi soddisfatti del lavoro del governo libico in tema di salvataggi vuol dire ignorare i crimini compiuti in questi anni dalla Guardia costiera libica e il dramma dei campi di concentramento“. Così Elena Grandi e Luana Zanella dei Verdi, rispettivamente co-portavoce nazionale e dell’esecutivo nazionale.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»