Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Vaccino, domani artisti per ‘click day’: liberare brevetti da Big Pharma

L'obiettivo è raccogliere un milione di firme, utilizzando lo strumento dell’Ice, Iniziativa cittadini europei, per obbligare l’Ue a modificare gli accordi commerciali con una sospensione, almeno temporanea, dei brevetti dei vaccini.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – ‘O i brevetti o la vita’. Ad accettare la sfida per il click day di domani e ‘sposare’ la causa dei ‘brevetti liberi’ per una Giornata Mondiale della Salute davvero speciale, ci sono artisti e personalità dello spettacolo e della cultura fra i più amati e popolari. Sono ben 31 a oggi, eccoli in ordine alfabetico: Giulia Anania, Stefano Bellotti Cisco, Daniele Biacchessi, Claudio Bisio, Dario Brunori Brunori SaS, Giulio Cavalli, Ascanio Celestini, Massimo Cirri, Comunità Officina, don Virginio Colmegna, Luigi Ferrajoli, Silvio Garattini, Ricky Gianco, Paolo Hendel, Germano Lanzoni, Maurizio Maggiani, Giovanna Marini, Paola Minaccioni, Moni Ovadia, Cochi Ponzoni, Marco Presta e Antonello Dose, David Riondino, Paolo Rossi, Marco Rovelli, Renato Sarti, Andrea Satta – Tetes de Bois, Guido Silvestri (Lupo Alberto), Bebo Storti, Dario Vergassola, Sofia Viscardi.

Un elenco ‘spettacolare’ che continua a crescere: si alterneranno nella diretta Facebook di domani dalle 18 alle 19.30 sulla pagina Facebook Right2cure/DirittoallaCura, con la conduzione di Vittorio Agnoletto, portavoce della Campagna Europea Diritto alla Cura. “Un click per liberare i brevetti dei vaccini dai superpoteri delle aziende farmaceutiche”, questa la parola d’ordine del Comitato italiano della Campagna europea Diritto alla Cura, che ha promosso l’iniziativa Facebook ‘Firmate la nostra petizione per la raccolta di un milione di firme cliccando qui, non c’è più tempo da perdere’.

“La carenza di quantitativi adeguati di vaccini, già gravissima per i Paesi poveri, rischia di avere pesanti ripercussioni anche per i Paesi ricchi- sostiene il Comitato in una nota- e l’allarme di alcune regioni come Veneto, Friuli, Umbria Puglia, Veneto, che hanno ‘finito le dosi’, ne sono drammatica riprova: è urgente spezzare il condizionamento delle aziende farmaceutiche e mettere i brevetti a disposizione delle aziende che ne abbiano le tecnologie. Solo così si potrà porre fine al vergognoso ‘balletto dei numeri’, in un vortice di cui sono esclusive responsabili le aziende farmaceutiche, che sfuggono ad ogni controllo e decidono solo in base ai profitti, senza rispetto di accordi e contratti”.

L’obiettivo della Campagna europea Diritto alla Cura, spiega infine la nota, “promossa in Italia da un gruppo di personalità, a cui aderiscono a oggi 94 organizzazioni, è quello, appunto, di raccogliere un milione di firme, utilizzando lo strumento dell’Ice, Iniziativa cittadini europei, per obbligare l’Ue a modificare gli accordi commerciali con una sospensione, almeno temporanea, dei brevetti dei vaccini. Sospensione richiesta da India e Sudafrica, con il sostegno di un centinaio di Paesi alla riunione del Wto dello scorso 11 marzo e fino a ora contrastata da Usa, Ue, UK, Giappone, Brasile, Canada, Svizzera, Australia e Singapore: una pesante e pericolosa battuta d’arresto per il diritto alla salute della comunità mondiale”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»