Marche, Acquaroli: “Se necessario interverremo Comune per Comune”

Francesco Acquaroli presidente regione marche
Oggi la regione ritorna 'zona arancione', e il presidente invita a non abbassare la guardia: "Con 140 persone in terapia intensiva, dobbiamo scongiurare una nuova ondata"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – “Monitoreremo l’andamento della curva pandemica e qualora necessario interverremo anche Comune per Comune cercando di bloccare sul nascere eventuali focolai, per salvaguardare il più possibile sia la salute e la sicurezza dei cittadini che le attività economiche”. È il messaggio che il presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli, invia a tutti i marchigiani al termine delle festività pasquali. Il governatore, nel ricordare che da oggi le Marche rientrano in fascia arancione -“possono riaprire tante attività commerciali e da domani i nostri ragazzi potranno finalmente tornare a scuola”-, invita come sempre a non abbassare la guardia e a prestare massima attenzione perché la pressione sulle strutture ospedaliere è ancora alta così come il tasso di occupazione delle terapie intensive.

“Quando a novembre è partita la seconda ondata le terapia intensive erano vuote- ricorda Acquaroli in un post su Facebook-. Quando poi a febbraio è arrivata la terza ondata, con la variante inglese, in terapia intensiva avevamo ricoverate in media 70 persone. Ma con i numeri di oggi, circa 140 persone in terapia intensiva, dobbiamo scongiurare una nuova ondata: faccio appello al senso di responsabilità. Oggi chiederemo un incontro a tutti i sindaci, tramite le conferenze di Area Vasta e alle Prefetture, per rafforzare la strategia comune di contrasto al virus. Cerchiamo di fare il possibile per evitare di dover assumere ulteriori misure diffuse a livello provinciale o regionale”.

Oggi però l’impatto della variante inglese è meglio conosciuto “a differenza del mese di febbraio, quando non avevamo parametri di riferimento per analizzarla” e, per questo, il governatore si dice pronto ad adottare misure restrittive Comune per Comune.

“Abbiamo un mese difficile davanti e dobbiamo tutti esserne consapevoli- conclude-. Il nostro obiettivo è di arrivare bene ai mesi di maggio e giugno, considerando dall’altra parte anche l’incremento della campagna vaccinale nelle prossime settimane e sperando in future minori restrizioni dal livello centrale. Noi faremo la nostra parte ma occorre la collaborazione di tutti”.

LEGGI ANCHE: Covid, Sileri: “Possibili riaperture dopo il 30 aprile”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»