Coronavirus, Arsial: “250mila euro ad aziende agricole del Lazio per consegne a domicilio”

Rosati: "Fino a 10mila euro per organizzare trasporto ed e-commerce"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Regione Lazio e’ pronta a mettere a disposizione un fondo di 250mila euro per aiutare le aziende agricole del territorio a consegnare a domicilio i propri prodotti. Lo annuncia all’agenzia Dire il presidente di Arsial, Antonio Rosati, anticipando il contenuto di un bando concepito assieme all’assessore all’Agricoltura, Enrica Onorati, che uscira’ probabilmente questa settimana.

IL BANDO

Secondo quanto spiegato da Rosati, il bando “prevede un finanziamento immediato a fondo perduto di una somma fino a 5mila euro alle singole aziende agricole e fino a 10mila euro per piu’ aziende agricole associate, consorzi, cooperative e organizzazioni professionali. Soldi che serviranno per sostenere il trasporto a casa dei prodotti, per contribuire alle spese di carburante o l’acquisto di un furgoncino, o alla creazione di un sito di e-commerce”. Inoltre, per snellire la burocrazia, “le aziende agricole confinanti o che vorranno associarsi in questa operazione, potranno farlo con una semplice autocertificazione” ha aggiunto Rosati. Il bando, ha poi concluso, “dara’ sostegno ai tanti agricoltori che nonostante le difficolta’ non si fermano. E se avremo tante richieste aumenteremo le risorse”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»