VIDEO | Founder Giappo SushiBar: “Penalizzati dai divieti, ora in Campania riprenda il delivery”

"Nel resto d'Italia fatturano mentre qui ci impoveriamo" dichiara alla Dire Enrico Schettino, Founder e Ceo Giappo SushiBar
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
NAPOLI – “Noi siamo stati tra i primi, il 7-8 marzo, a chiudere ed eravamo favorevoli a farlo per fermare la diffusione del virus il prima possibile. Vista l’evoluzione della situazione, in un primo momento abbiamo appoggiato anche il ‘no delivery’, il divieto di consegna a domicilio. Ora abbiamo capito che la situazione si protrarà’ anche ad aprile, forse a maggio, e chissà per quanto ancora: in tutte le altre regioni sono consentite le consegne a domicilio, mentre noi in Campania ci siamo sentiti esclusi e questa differenza di regole ci squalifica”. Lo spiega alla Dire Enrico Schettino, Founder e Ceo Giappo SushiBar. “Il mio gruppo, che è anche in altre zone, in Campania ha 12 punti – sottolinea – che si stanno impoverendo a causa della chiusura. Io, però, vado a competere in bandi di gara anche con società che lavorano in altre regioni e commercialmente sono aperte continuando a fatturare, a crescere, mentre noi ci stiamo impoverendo. Questo determina concorrenza sleale e squilibrio economico anche in considerazione del fatto che i provvedimenti del governo a sostegno delle attività sono paritari in tutta Italia. Le pasticcerie campane, ad esempio, non possono produrre e distribuire, ma magari le persone possono ordinare pastiere da fuori e farle arrivare qui”. Schettino chiarisce come siano in tanti “ad aver detto sì alle chiusure finchè questo valeva su tutto il territorio nazionale, ma adesso questa cosa deve assolutamente terminare. Riaprire, ovviamente, significherà farlo con restrizioni e normative da seguire”. “Il payoff di Giappo – rimarca Schettino – è ‘sushi bar, take away e delivery’, noi facciamo questo da 14 anni e lo abbiamo sempre fatto in linea con le normative sanitarie e nessuno come noi, che trattiamo pesce crudo, sa cosa significa contaminazione. Mai come in questo periodo ci dovranno essere normative più stringenti e noi ristoratori – conclude – dovremmo essere molto più rigidi sul fronte della sicurezza e garanzia alimentare, cosa che facciamo già, con controlli sul personale”
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

6 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»