fbpx

Tg Sanità, edizione del 6 aprile 2020

– CORONAVIRUS. ISS: CURVA HA INIZIATO DISCESA, SE DATI CONFERMATI PROBABILE FASE 2

In Italia rallenta l’incremento del numero di vittime per Coronavirus rispetto ai giorni precedenti. “La curva ha iniziato la discesa e comincia a scendere anche il numero dei morti. Dovremo cominciare a pensare alla fase 2, se questi dati si confermano”. Sono le parole del presidente dell’Istituto superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, nella conferenza stampa di domenica alla Protezione civile. Per questa settimana si aspettano ancora un trend decrescente dei contagi e un’ulteriore diminuzione del numero dei morti. “Abbiamo vari indicatori- ha proseguito Brusaferro- tra cui quelli sui decessi. Il numero dei nuovi casi è in fase decrescente e ci aspettiamo che anche i decessi vadano in decrescita”.

– CORONAVIRUS. REZZA (ISS): NESSUNA EVIDENZA CHE VIRUS CIRCOLI IN ARIA

“Non abbiamo evidenze per dire che il virus circoli nell’aria. I dati che abbiamo, a livello epidemiologico, ci dicono che le principali vie di trasmissione sono per droplet e per contatto”. L’Istituto superiore di Sanità interviene così sull’ipotesi che il Coronavirus circoli nell’aria. La “trasmissione per via aerogena”, hanno puntualizzato gli esperti, è stata ipotizzata e dimostrata “solo in contesti particolari, specie in ambito sanitario”. I vertici dell’Iss hanno infine spiegato che “la letteratura internazionale conferma il fatto che droplet e contatto sono i veicoli principali di infezione”.

– CORONAVIRUS. ORGANIZZAZIONE MONDIALE SANITÀ VERSO REVISIONE USO MASCHERINE

L’Organizzazione mondiale della Sanità potrebbe rivedere le sue raccomandazioni sull’uso delle mascherine per proteggersi dal contagio da Coronavirus, alla luce dei risultati di un nuovo studio del MIT di Boston. Si tratta di dati che dovranno essere confermati da altre valutazioni. Secondo gli scienziati, che hanno fatto una sperimentazione in laboratorio, le goccioline emesse con un colpo di tosse o uno starnuto possono ‘viaggiare’ nell’aria per distanze ampie. Alla Bbc l’infettivologo David Heymann ha spiegato che l’Oms valuterà se effettivamente, per rallentare la diffusione del virus, è necessario che un maggior numero di persone indossino le mascherine.

– CORONAVIRUS. LOCATELLI (CSS): DA AIFA APPROVATI 8 STUDI SU FARMACI

“Sono otto gli studi sui farmaci anti Covid-19 al momento approvati dall’Agenzia italiana per il Farmaco”. Lo ha fatto sapere il presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli, nel corso di una conferenza stampa all’Istituto superiore di Sanità. I tempi per la validazione dei test sierologici, intanto, saranno “certamente brevi, si tratta di pochi giorni”, ha fatto sapere ancora Locatelli, che ha infine voluto sottolineare: “Ma è importante che la celerità corrisponda a un rigore nella valutazione della sensibilità, perché bisogna evitare falsi positivi e falsi negativi”.

– CORONAVIRUS. DA AZIENDA TAKIS AL VIA SPERIMENTAZIONE VACCINO SU TOPI

“Abbiamo cominciato la sperimentazione sui topi e avremo i primi risultati intorno alla fine di aprile”. A farlo sapere all’agenzia Dire è Luigi Aurisicchio, fondatore e amministratore delegato di Takis, la società biotech italiana con sede nel Tecnopolo di Castel Romano che, dopo il via libera del ministero della Salute e dell’Istituto Superiore della Sanità, ha fatto partire i test preclinici di 5 vaccini contro il Coronavirus. “La sperimentazione sull’uomo potrebbe partire già in autunno”, prosegue Aurisicchio, almeno è “quello che noi speriamo, mentre se vogliamo essere pessimisti, credo al massimo intorno a fine anno o ad inizio del nuovo”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

6 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»