VIDEO | Sgarbi, Preziosi, Vergassola, Riondino: un video da Urbino per omaggiare il ‘divin pittore’

Il Comune di Urbino ha realizzato un video per rendere omaggio al grande pittore nel giorno in cui sarebbero dovute partire le celebrazioni per il Cinquecentenario
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

URBINO – Si sarebbero dovute aprire ufficialmente oggi ad Urbino le celebrazioni per il Cinquecentario dalla morte di Raffaello Sanzio. Nato a Urbino nel 1843 il ‘divin pittore’ morì a Roma il 6 aprile del 1520. Le celebrazioni sono un evento di rilevanza internazionale tanto che il 3 marzo alle Scuderie del Quirinale a Roma era stata inaugurata l’esposizione ‘Raffaello oltre la mostra’ dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Un’esposizione che sarebbe dovuta rimanere aperta al pubblico dal 5 marzo al 2 giugno. L’emergenza Coronavirus, oltre a determinare la chiusura della mostra (visitabile ora solo virtualmente con una video-passeggiata), ha inevitabilmente fermato tutte le iniziative organizzate dal Comune di Urbino.

“Oggi sarebbero iniziate le celebrazioni per il Cinquecentenario dalla morte di Raffaello- spiega alla Dire l’assessore al Turismo e al patrimonio Unesco di Urbino, Andrea De Crescentini-. Avevamo invitato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, ci sarebbero stati una serie di eventi tra cui l’annullo filatelico di un francobollo, la presentazione di un percorso sparso in tutta la città ‘Raffaello bambino’ a cura della illustratrice di Harry Potter Serena Riglietti. Urbino sarebbe stata addobbata con i fiori concessi dal Comune di Sanremo e poi avevamo previsto uno spettacolo dell’attore Alessandro Preziosi. Tutto questo non si può fare per ovvi motivi ma saremo pronti a ripartire non appena si potrà”.

Nel frattempo l’amministrazione comunale ha realizzato un video per rendere omaggio al grande pittore grazie al contributo di tanti amici di Urbino. Accompagnati dalle musiche di un altro personaggio famoso della città, Raphael Gualazzi, compaiono tanti volti noti: da Vittorio Sgarbi, prosindaco di Urbino, ad Alessandro Preziosi, fino a Dario Vergassola, David Riondino, Pino Quartullo e Ilvo Diamanti.

Il Comune di Urbino oggi non poteva stare fermo e ha pensato di realizzare un video con il contributo di tanti amici di Urbino, di tanti personaggi che in qualche modo avrebbero dovuto partecipare a queste celebrazioni e che parteciperanno alle celebrazioni- conclude De Crescentini-. Un omaggio sia al divino pittore Raffaello ma anche un messaggio positivo e di speranza. L’Italia, che detiene il 70% del patrimonio culturale mondiale, può ripartire all’insegna di un nuovo Rinascimento grazie alla cultura e all’arte e anche grazie a Raffaello e alla città di Urbino”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

6 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»