Torna Vivicittà, sport e solidarietà di corsa in 42 città

Il via da Pozzallo, si corre anche nei penitenziari
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Quarantadue città italiane, undici nel mondo e 25 istituti penitenziari e minorili. Si correrà qui l’edizione numero 34 di Vivicittà, una corsa podistica “per la dignità e il rispetto”, la “più grande corsa del mondo” organizzata da Uisp, l’Unione italiana sport per tutti.

Luoghi di azione e #Liberidimuoversi sono i due slogan dell’edizione di Vivicittà.

“Emarginazione e disagio sono determinati dai luoghi- ha detto Vincenzo Manco, presidente nazionale Uisp- Per questo Vivicittà si pone l’obiettivo di cambiarli, renderli migliori e ambientalmente sostenibili. A cominciare dalle città nelle quali viviamo. Non solo: la pratica sportiva contribuisce ad avvicinare le periferie e le persone, ad integrare e creare relazioni, senza escludere nessuno”.

Per Alfio Giomi, presidente della Federazione italiana di atletica, “Vivicittà ha anticipato i tempi. La corsa una volta era espressione di pochi, parliamo di 34 anni fa. Vivicittà ha avuto un lungo percorso, con lo strumento della corsa si sottolineano gli aspetti del sociale e lo sport deve essere orgoglioso di questo“.

Lo scorso Lampedusa, quest’anno il luogo simbolo della corsa sarà Pozzallo, provincia di Ragusa. La scelta è ricaduta sulla costiera siciliana, che da anni vede intensificare gli sbarchi di migranti.

L’evento è in programma in contemporanea, domenica 9 alle 10.30 la partenza, su percorsi compensanti e su distanze diverse: 21,097 km, 12 km e passeggiata ludico motoria.

LE TAPPE

La mezza maratona, i circa 21 km, è in programma soltanto a Firenze, mentre in tutte le altre città, da Alessandria a Lucca, da Arezzo ad Avellino, da Bolzano a Trapani, a Urbino, sono in programma le corse competitive, sui 12 km, e le passeggiate ludiche.

Inoltre si correrà in 25 istituti penitenziari e minorili, tra aprile e maggio. Si va da Alessandria a Cassino, da Cremona a Roma, da Catanzaro a Cremona.

Per quanto riguarda le gare all’estero, si correrà in Angola (Benguela, Huambo, Luanda), Francia (Bron-Marsiglia), Ungheria (Budapest), Slovenia (Nova Gorica), Giappone (Osaka, Tokio, Yokohama), Bosnia-Herzegovina (Sarajevo, Tuzla).

Il via ufficiale verrà dato dal lungomare di Pozzallo, dove si ritroveranno i giovani delle scuole e delle società sportive, insieme a persone della comunità cittadina, operatori umanitari e a migranti.

E’ prevista una camminata non competitiva di circa un chilometro aperta dallo striscione #Liberidimuoversi.

GLI OBIETTIVI DI VIVICITTA’

Quest’anno l’obiettivo della corsa sarà quello di costruire un campo sportivo a Qasr, nel nord della Valle della Bekaa. La raccolta fondi di questa edizione, infatti, prevede che un euro per ogni iscritto sia destinato a questo progetto promosso da Uisp e Terres des Hommes, fondazione che ha come scopo quello di difendere i diritti dei bambini. Lo scorso anno con i fondi raccolti è stato ristrutturato il campo sportivo di Jdeide Fekehe, nel nord del Libano.

Filo conduttore che legherà molte delle città partecipanti è l’impegno per i diritti di migranti, richiedenti asilo e rifugiati.

LE INIZIATIVE COLLATERALI

Molte le iniziative collaterali legate al progetto Uisp ‘SportAntenne – prevenzione, emersione e mediazione per combattere le discriminazioni’ e quelle dedicate ai ragazzi dei Centri di prima accoglienza e dei percorsi SPRAR (Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati).

A Bolzano come a Matera i ragazzi delle scuole correranno in squadra con i ragazzi minorenni delle case di accoglienza, mentre a Firenze un gruppo di richiedenti asilo che fanno parte di Oxfam si sono allenati con la società affiliata Uisp Le Fontanine.

A Lucca e La Spezia i richiedenti asilo hanno lavorato con i volontari Uisp per la creazione del percorso di gara mentre Torino ha invece scelto di riservare 100 iscrizioni gratuite a rifugiati e richiedenti asilo, a Cagliari il pettorale 001 verrà simbolicamente assegnato ad Alan Kurdi, bimbo diventato simbolo delle tragedie in mare, a Lecce correranno i ragazzi di una cooperativa di migranti mentre a Palermo la passeggiata non competitiva verrà aperta da UNIS (Unione Ivoriani di Sicilia) e dall’Associazione degli Studenti Universitari Stranieri della città.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»