54 anni di Rolling Stones nella mostra Exhibition

A Londra cimeli, foto e simulazioni per percorrere la storia del gruppo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
ROMA – Cinquantanni – e passa – di carriera e non sentirli. I Rolling Stones festeggiano un traguardo importante insieme a tutti gli appassionati della loro musica. È stata inaugurata, infatti, Exhibition (Esibizionismo), la mostra dedicata alla band e alla sua storia.
Cimeli, foto inedite e simulazioni 3D attraverso cui Mick Jagger, Keith Richards e Brian Jones raccontano la loro carriera e la loro vita. Si trova a Londra e per la precisione a Chelsea e sarà ospitata nella prestigiosa “Saatchi Gallery”, situata a poco più di mille metri dal primo appartamento che la band condivise nel 1962.
rolling stone
I fan potranno ammirare, fino al 4 Settembre, più di cinquecento oggetti disposti su due piani- tra abiti di scena e chitarre – che hanno fatto la storia dei Rolling Stones. “Mi piace come è venuta la parte dei costumi – ha raccontato Jagger all’inaugurazione – Era quella che mi preoccupava di più perché è difficile esibire i costumi su un manichino, ma il risultato mi piace”. Intanto, dopo undici anni dall’ultimo lavoro, i Rolling Stones si preparano alla pubblicazione di un nuovo album, al momento, coperto dal mistero. Voci di corridoio anticipano che potrebbe essere una raccolta – in uscita direttamente quest’anno – di cover di canzoni di autori che hanno fatto la storia del blues, da Little Walter a Howling Wolf.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»