Zingaretti: “Ho chiamato Raggi, ma purtroppo era impegnata”

Cosi' il presidente della Regione Lazio durante la conferenza stampa organizzata il giorno dopo della vittoria alle elezioni del 4 marzo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Questa mattina ho telefonato al sindaco Raggi per offrire tutta la mia disponibilita’ ad aiutare Roma a risollevarsi da tutti i suoi problemi. Il mio impegno e’ quello di rinnovare la collaborazione che ho sempre offerto. Purtroppo la sindaca era impegnata e non ho avuto ancora modo di parlarci”. Cosi’ il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, durante la conferenza stampa organizzata il giorno dopo della vittoria alle elezioni del 4 marzo.

PARISI MI HA SCRITTO, LOMBARDI NON L’HO SENTITA

“Ieri sera Stefano Parisi mi ha scritto, ci siamo sentiti per salutarci, ci vedremo nella prossima settimana per un confronto anche sui prossimi anni, lo ringrazio. Con Roberta Lombardi non mi sono sentito”, ha detto Zingaretti. “Voglio ringraziare i miei avversari, in particolare Stefano Parisi, Roberta Lombardi e Sergio Pirozzi- ha aggiunto Zingaretti– Tutti insieme hanno contribuito a dare vita ad una competizione regionale molto difficile per la coincidenza delle elezioni politiche. Ma abbiamo tutti fatto in modo che il tema dello sviluppo e delle prospettive del Lazio e della nostra comunita’ rimanesse il cuore dello scontro e del confronto politico. Con alcuni di loro continueremo il confronto politico anche nei prossimi cinque anni che da parte mia, come lo e’ stato sempre, sara’ all’insegna della collaborazione e della capacita’ di ascolto”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»