Strage di Bologna, salvata la storica gru dei pompieri

BOLOGNA - Insieme al bus numero 37 e al taxi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Insieme al bus numero 37 e al taxi giallo oggi conservato nella sede Cotabo, anche la storica gru rossa dei Vigili del fuoco è uno dei simboli del 2 agosto 1980 e dei soccorsi prestati il giorno della strage alla stazione di Bologna. Eppure la “mitica Fiat Cristianini”, che compare in tante foto dell’epoca, ha rischiato di andare perduta. Il mezzo, racconta oggi in aula il consigliere comunale Pd Andrea Colombo, era stato “venduto a un demolitore nel ferrarese” ed è arrivata a un passo dall’essere rottamata.

“Secondo gli ultimi aggiornamenti- riferisce Colombo- il mezzo sarebbe ritornato proprio pochi giorni fa al Comando dei Vigili del fuoco di Bologna, grazie anche alla mobilitazione dei sindacati e dell’associazione dei pompieri bolognesi. Ci auguriamo che sia effettivamente così e che nessuno possa prendere in considerazione in futuro l’idea di demolire quella gru, perché vorrebbe dire demolire un pezzo di storia e di memoria sulla strage del 2 agosto alla stazione e sulla città di Bologna. Abbiamo il dovere di salvaguardare questi pezzi di storia– insiste l’ex assessore- per tutelare la memoria di ciò che fu e richiamare tutti, istituzioni e cittadini, all’impegno perché sia fatta definitivamente verità e giustizia e perché nulla del genere possa mai più accadere”. Anche Paolo Bolognesi, presidente dell’associazione dei parenti delle vittime della strage, loda l’intervento ‘salva’-gru: “Doveroso”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»