Cultura, Mibact: 8 marzo ingresso gratuito per le donne nei musei

ROMA - Anche quest’anno per l’8 marzo tutti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – Anche quest’anno per l’8 marzo tutti i musei e luoghi della cultura statali apriranno le loro porte gratuitamente alle donne. Una giornata di festa che il Ministero dei Beni e delle Attività e del Turismo, guidato da Dario Franceschini, celebra, insieme alle aperture gratuite, con un’apposita campagna di comunicazione social e una galleria di donne eccezionali, la cui fama ha attraversato i secoli anche grazie all’arte e alla cultura.

Reading, proiezioni, visite guidate, concerti e convegni animeranno inoltre i musei del Lazio: dall’universo femminile nel mondo etrusco raccontato al Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, a l’“eterno femminino”, il tema protagonista della visita guidata a Palazzo Altemps, dal percorso a Villa Adriana a Tivoli per scoprire l’immagine pubblica e privata di Vibia Sabina,  all’approfondimento alla Galleria Spada sul Ritratto di Pulcheria Rocci di Ferdinand Voet. E ancora le visite guidate La donna tra archetipi e realtà al Museo Hendrik Christian Andersen, Il ritratto femminile e il fascino della moda tra Ottocento e Novecento al Museo Boncompagni Ludovisi per le arti decorative, il costume e la moda dei secoli XIX e XX, fino alle Gallerie Nazionali di Arte Antica che, nella sede di Palazzo Barberini, organizzano una giornata di visite guidate gratuite per far conoscere le protagoniste del Museo: la Fornarina, Giuditta, Beatrice Cenci e molte altre.

Spazio anche alla campagna social #8marzoalmuseo che celebra il mondo femminile, attraverso le sue rappresentazioni più significative nell’arte, puntando i riflettori sulle vite delle donne che hanno fatto la storia. Oltre trenta locandine digitali – selezionate dagli storici dell’arte del principali Musei Italiani – animeranno infatti il profilo Instagram di @Museitaliani da oggi fino all’8 marzo, data in cui l’ingresso nei musei e nei luoghi della cultura statali sarà gratuito per le donne, in tutta Italia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»