Masterchef 6, ultima edizione per Cracco. Lo chef stellato lascia il programma

Il noto cuoco sarà impegnato nell'apertura di due nuovi ristoranti milanesi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un finale di stagione con colpo di scena per Masterchef 6. Carlo Cracco, volto storico del cooking show targato Sky Uno, ha annunciato il suo addio. Lo chef prenderà parte alla finale di giovedì prossimo, 9 marzo, per poi dedicarsi ad impegni sempre legati alla carriera ma personali. Nel futuro di Cracco ci sono infatti le aperture di due nuovi ristoranti milanesi, che non lasceranno spazio alla tv: “Un impegno – ha detto Cracco – che mi assorbirà totalmente nei prossimi mesi e a cui mi dedicherò con tutto me stesso. Non c’è spazio per altro”. Lo chef stellato aprirà un locale in Galleria Vittorio Emanuele II e un altro in piazzale Accursio: si tratta di Garage Italia, progetto nato in società con Lapo Elkann e all’architetto Michele De Lucchi.

La finale giovedì 9 marzo

A guidare i fornelli dello show culinario rimarranno così Bruno Barbieri, Joe Bastianich e Antonino Cannavacciuolo, salvo new entry stabilite dalla produzione. In attesa di sapere quali saranno le novità della settima edizione, non resta che scoprire chi sarà il vincitore dell’edizione in corso. Tra i finalisti, tutti molto giovani, Cristina Nicolini, Valerio Braschi e Gloria Enrico.

https://www.youtube.com/watch?v=U1pWGqYyu5Q

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»