Congresso Dc, Venturini nuovo segretario

L'ex segretario di Stato agli Affari interni e alla Giustizia ha ottenuto ben 201 preferenze staccando di oltre un terzo di voti l'altro candidato, Teodoro Lonfernini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SAN MARINO – La balena bianca del Titano ha un nuovo segretario. Ieri sera, in chiusura dei lavori del XX Congresso generale del Partito democratico cristiano sammarinese, i 308 delegati hanno scelto, tra i due candidati in lizza, Gian Carlo Venturini.

L’ex segretario di Stato agli Affari interni e alla Giustizia ha ottenuto ben 201 preferenze staccando di oltre un terzo di voti l’altro candidato, Teodoro Lonfernini.

“Incoronato” sul palco del centro congressi Kursaal dal segretario uscente, Marco Gatti, il nuovo numero uno di via delle Scalette ha espresso a caldo le sue prime intenzioni: puntare all’unità del partito, alla sua identità, e alla collaborazione di tutti nel suo inedito ruolo all’opposizione.

Venturini si dice sicuro del sostegno del candidato sconfitto: “Gli avversari non sono dentro il partito- chiosa- ma fuori”. Quindi la promessa di mettersi “subito al lavoro- prosegue ai microfoni di SmRtv- dobbiamo riaprire il confronto con la gente”. E prima di pensare ad alleanze, “dobbiamo rivedere l’impegno portato avanti in questa assise- puntualizza- e poi deve partire il confronto con le forze che hanno condiviso con noi il percorso di coalizione, ma il confronto- aggiunge- dobbiamo aprirlo con tutti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»