Gentiloni firma interventi per le città da 3,9 miliardi di euro

Il filo conduttore"e' dare qualita' e sostenibilita' ai nostri quartieri e in particolare a quelli che hanno piu' bisogno"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – “L’insieme degli interventi per i nostri quartieri arriva a 3,9 miliardi”. Lo annuncia il presidente del consiglio Paolo Gentiloni alla cerimonia per la firma delle 24 convenzioni che consentiranno il rilancio delle periferie urbane in 24 citta’. Gentiloni ricorda che oggi si chiude il percorso che interessa “i 24 migliori classificati” con un “bando per le periferie che prevede lo stanziamento di 500 milioni”. Ma l’intero progetto “riguarda 120 interventi. Gli impegni economici e le disponibilita’ per completarli ci sono. Venerdi’ al Cipe abbiamo varato lo stanziamento di ulteriori 800 milioni di euro, del miliardo e 600 milioni che serve a completare l’operazione. E altri 800 milioni saranno presi dal fondo infrastrutture. Questi 2,1 miliardi saranno integrati da altri fondi pubblici di varia natura, locali e nazionali, e da fondi privati”.

Il presidente del consiglio Paolo Gentiloni spiega che “ha ragione il presidente dell’Anci Antonio Decaro quando dice che” l’intervento sui quartieri “non deve essere un intervento una tantum, ma deve essere un impegno di lunga lena. Ma io intanto sono orgoglioso di rivendicare che questo impegno preso dal presidente Renzi a nome del governo viene mantemnuto”.

Il filo conduttore, osserva il premier, “e’ dare qualita’ e sostenibilita’ ai nostri quartieri e in particolare a quelli che hanno piu’ bisogno”. La firma delle convenzioni e’ un “buon esempio di collaborazione istituzionale di cui i cittadini hanno bisogno” ed “e’ anche esempio di collaborazione tra pubblico e privato, perche’ il fatto che il 30-40 per cento delle risorse viene dal privato e’ molto rilevante”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»