Prorogato fino ad ottobre il collegamento marittimo Propriano-Porto Torres

Il blocco dell’operatività della tratta bisettimanale, precedentemente annunciato, è stato scongiurato grazie ad una azione fra l’assessore sardo, il suo omologo corso Paul Marie Bartoli, sindaco di Propriano, gli operatori portuali ed economici turritani e corsi.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

porto torresIl consiglio di amministrazione della Compagnia di navigazione francese ha deciso di prorogare fino al mese di ottobre il collegamento marittimo tra Propriano e Porto Torres.

L’annuncio è arrivato per bocca dell’assessore regionale dei Trasporti, Massimo Deiana. “Ringrazio i vertici della compagnia La Meridionale- ha detto- per la disponibilità dimostrata nel tenere operativo un collegamento di vitale importanza per l’economia corsa e del nord ovest della Sardegna, pur in assenza di sostegno pubblico”.

Il blocco dell’operatività della tratta bisettimanale, precedentemente annunciato e più volte riconfermato, è stato quindi per ora scongiurato grazie ad una azione coordinata fra l’assessore sardo, il suo omologo corso Paul Marie Bartoli, sindaco di Propriano, gli operatori portuali ed economici turritani e corsi. “Nelle prossime settimane- conclude l’esponente della giunta Pigliaru- dopo quello tenutosi lo scorso 18 dicembre, promuoveremo un nuovo incontro con l’amministrazione della Corsica e i vertici della compagnia La Meridionale”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»