hamburger menu

Governo, Bonino: “Non aspettatevi miracoli, anche se di legislatura”

ROMA – Come valuta l’ipotesi di un orizzonte di legislatura per il futuro, eventuale, governo Draghi? “Il tempo è molto breve anche se arrivasse a fine legislatura, ci sono incrostazioni nel nostro Paese che vengono da lontano, vorrei mettere in guardia tutti: adesso non aspettatevi miracoli, aspettiamoci passi per andare avanti, magari rapidi, ma non […]

Pubblicato:06-02-2021 15:18
Ultimo aggiornamento:06-02-2021 15:18
Canale: Politica
Autore:
emma bonino
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Come valuta l’ipotesi di un orizzonte di legislatura per il futuro, eventuale, governo Draghi? “Il tempo è molto breve anche se arrivasse a fine legislatura, ci sono incrostazioni nel nostro Paese che vengono da lontano, vorrei mettere in guardia tutti: adesso non aspettatevi miracoli, aspettiamoci passi per andare avanti, magari rapidi, ma non si può fare un miracolo per tutto quello che non abbiamo fatto in questi anni”. Lo dice Emma Bonino su SkyTg24.

Crede alla svolta europeista di Matteo Salvini? “Bisogna chiederlo a lui, la trovo una giravolta molto rapida, spero non sia solo di facciata. E’ chiaro che la Lega ha visto finora un atteggiamento molto antieuropeista, ma anche parte del M5S”, dice Bonino, “perché adesso Salvini sia diventato europeista va chiesto a lui”.

Come valuta le proposte di Beppe Grillo per la creazione di un ministero della Transizione ecologica, ricomponendo competenze dello Sviluppo economico e dell’Ambiente, ad esempio sull’energia? “Per spacchettare un ministero, e lo dico con esperienza, nel governo Prodi, pur con l’aiuto di un ministro dell’epoca, Padoa Schioppa, ci abbiamo messo un anno”.
“Ci sono tante belle idee, si fa per dire, ma vanno calate nella realtà e nei bisogni esistenti”, dice Bonino, “pensate cosa vuol dire sburocratizzare e mettere insieme un piano vaccinale, che oggi non è adeguato”.

Appurato che “non è nei compiti del governo scrivere la legge elettorale ma è delle forze politiche“, ora “tornare al proporzionale sarebbe una disgrazia, anche se è popolarissimo”. Infatti in passato ha fatto danni, ed “è come se avessimo sempre la memoria corta”, conclude Bonino.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2021-02-06T15:18:07+01:00

Ti potrebbe interessare: