Coronavirus, l’italiano rientrato dalla Cina: “Lì paese militarizzato, qui tanto allarmismo”

A raccontare all'agenzia Dire il suo viaggio dalla Cina all'Italia ai tempi del Coronavirus, è un ragazzo italiano che abita e lavora a Shenzhen
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non ho niente, mi sento bene. Ma ora a casa, a Roma, indosso comunque la mascherina per rispetto delle persone anziane che vivono con me”. A raccontare all’agenzia Dire il suo viaggio dalla Cina all’Italia ai tempi del Coronavirus, è un ragazzo che abita e lavora a Shenzhen, rientrato a Fiumicino via Hong Kong qualche giorno fa.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, caso sospetto per italiano rientrato da Wuhan. Stabili i pazienti cinesi allo Spallanzani

Un itinerario, con scalo a Istanbul, “che mi avevano indicato come possibile, per tornare nonostante il blocco aereo- dice- Appena atterrato infatti mi hanno fatto solo il termoscanner, ma niente altro. Nessuna indicazione, per esempio, se avessi dovuto contattare un medico una volta giunto a Roma oppure se ci fosse un protocollo da seguire. Insomma, mi sembra che ci sia soprattutto tanto allarmismo”.

E così Edoardo (il nome è di fantasia, ndr) ora se ne sta a casa. Ricordando gli ultimi difficili giorni in Cina. “Quando a gennaio è scoppiato il caso, il Governo ha iniziato a mettere in campo misure preventive per scongiurare il contagio, oltre a distribuire materiale informativo su come riconoscere i sintomi e su quali comportamenti adottare- racconta- A Shenzhen non si può entrare in alcun luogo pubblico senza mascherina e senza farsi misurare la temperatura corporea da un ufficiale governativo. Negli aeroporti ti fanno compilare un sacco di moduli per sapere da dove vieni e dove stai andando, ti fanno lo scanner e ti consegnano materiale informativo. Stessa cosa appena passi il confine: c’è la polizia che ti chiede di indossare la mascherina, ti fanno disinfettare le mani”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, ucciso dal contagio il medico che lanciò l’allarme

“La Cina, per quanto sia uno Stato all’avanguardia a livello tecno-economico, rimane una dittatura con un Governo centralizzato. Questo- conclude- si è visto sia nei primi momenti, quando hanno messo in carcere i medici che iniziavano a parlare di coronavirus, ma anche adesso che stanno gestendo la situazione con un’efficenza che non mi sarei mai aspettato”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»