Coronavirus, l’italiano rientrato dalla Cina: “Lì paese militarizzato, qui tanto allarmismo”

A raccontare all'agenzia Dire il suo viaggio dalla Cina all'Italia ai tempi del Coronavirus, è un ragazzo italiano che abita e lavora a Shenzhen
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non ho niente, mi sento bene. Ma ora a casa, a Roma, indosso comunque la mascherina per rispetto delle persone anziane che vivono con me”. A raccontare all’agenzia Dire il suo viaggio dalla Cina all’Italia ai tempi del Coronavirus, è un ragazzo che abita e lavora a Shenzhen, rientrato a Fiumicino via Hong Kong qualche giorno fa.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, caso sospetto per italiano rientrato da Wuhan. Stabili i pazienti cinesi allo Spallanzani

Un itinerario, con scalo a Istanbul, “che mi avevano indicato come possibile, per tornare nonostante il blocco aereo- dice- Appena atterrato infatti mi hanno fatto solo il termoscanner, ma niente altro. Nessuna indicazione, per esempio, se avessi dovuto contattare un medico una volta giunto a Roma oppure se ci fosse un protocollo da seguire. Insomma, mi sembra che ci sia soprattutto tanto allarmismo”.

E così Edoardo (il nome è di fantasia, ndr) ora se ne sta a casa. Ricordando gli ultimi difficili giorni in Cina. “Quando a gennaio è scoppiato il caso, il Governo ha iniziato a mettere in campo misure preventive per scongiurare il contagio, oltre a distribuire materiale informativo su come riconoscere i sintomi e su quali comportamenti adottare- racconta- A Shenzhen non si può entrare in alcun luogo pubblico senza mascherina e senza farsi misurare la temperatura corporea da un ufficiale governativo. Negli aeroporti ti fanno compilare un sacco di moduli per sapere da dove vieni e dove stai andando, ti fanno lo scanner e ti consegnano materiale informativo. Stessa cosa appena passi il confine: c’è la polizia che ti chiede di indossare la mascherina, ti fanno disinfettare le mani”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, ucciso dal contagio il medico che lanciò l’allarme

“La Cina, per quanto sia uno Stato all’avanguardia a livello tecno-economico, rimane una dittatura con un Governo centralizzato. Questo- conclude- si è visto sia nei primi momenti, quando hanno messo in carcere i medici che iniziavano a parlare di coronavirus, ma anche adesso che stanno gestendo la situazione con un’efficenza che non mi sarei mai aspettato”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

6 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»