Sardine in piazza e Salvini annulla l’evento a Scampia

Il flash mob è previsto a partire dalle 16:30 nel piazzale della Metro di Piscinola Scampia, per ribadire "con gli abitanti del quartiere che Napoli non si Lega"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Sardine protagoniste oggi pomeriggio, a partire dalla 16:30, a Napoli, piazzale della Metro di Piscinola Scampia, per ribadire “con gli abitanti del quartiere che Scampia non si Lega, che Napoli non si Lega”.

La nostra – spiegano gli attivisti – è una città che ha ormai nella sua identità l’antileghismo. E proprio per questo non dobbiamo lasciar correre, come hanno fatto altrove, perché è sul silenzio che la Lega ha costruito consenso. Partecipiamo al flashmob con determinazione, ma soprattutto con consapevolezza”. Poi l’appello – invito ai cittadini “Portate una sardina”.

Salvini, intanto, fanno sapere ancora dal movimento, ha annullato l’evento “Noi sardine No!”

MOLTENI (LEGA): “NOI A SCAMPIA, NON ACCETTIAMO INTIMIDAZIONI”

“La Lega non fa un passo indietro, ma due in avanti e non accetta intimidazioni. Saremo in piazza a Scampia in mezzo ai cittadini”. Così il coordinatore regionale della Lega in Campania Nicola Molteni annunciando un gazebo sulle periferie sabato 8 febbraio a Scampia. “La Lega ci mette la faccia, a Napoli come in tutta Italia, vogliamo rappresentare una forza di cambiamento, in discontinuità con la vecchia politica che ha amministrato Napoli in questi anni. I cittadini – dice – ci chiedono risposte sui temi della sicurezza, del lavoro, dell’inclusione sociale, a Scampia come al Vomero.

No ad aree cittadine di promiscuità come il Vasto. Non possono esistere napoletani di serie a di serie b. Saremo in piazza sabato con i nostri parlamentari, Gianluca Cantalamessa e Pina Castiello ed i nostri militanti, perché crediamo nelle potenzialità di Scampia e non accettiamo alcun veto da nessun antagonista. Non accettiamo lezioni di buonsenso”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

6 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»