Alfano: “Niger non consultato? Noi rispetteremo la sovranità”

Il ministro degli esteri risponde all'Agenzia Dire sulla ricostruzione di Rfi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ci giocheremo questa autorizzazione del parlamento per fare ogni azione richiesta dal governo del Niger”: così oggi il ministro degli Esteri Angelino Alfano, rispondendo alla DIRE alla domanda se Niamey sia stata consultata rispetto alla missione militare dell’Italia.

“Come le legge prevede, la missione deve essere autorizzata dal parlamento e quindi il voto parlamentare è autorizzativo” la premessa di Alfano, chiamato a esprimersi sulla tesi dell’emittente ‘Radio France Internationale’ secondo la quale Niamey non sarebbe stata informata da Roma.

“Il dispiegamento non può che avvenire su richiesta delle autorità nigerine e sulla base del consenso” ha continuato il ministro. “Nel momento in cui abbiamo l’autorizzazione ci giocheremo questa autorizzazione per fare ogni azione che sia richiesta dal governo nigerino che rispetti profondamente la sovranità nigerina e sia da effettuare sulla base del consenso”.

Secondo Alfano, “nell’ambito del diritto internazionale è assolutamente fisiologico che sia così”. Il ministro ha risposto alla DIRE nel corso di un incontro con la stampa alla Farnesina, al termine della Seconda conferenza dei Paesi di transito. Nel suo intervento in apertura dei lavori, questa mattina, Alfano aveva detto di aver incontrato il suo omologo nigerino cinque volte nell’ultimo anno e aveva definito le relazioni con Niamey “strategiche“.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»