Da oggi al Museo di Capodimonte i capolavori ritrovati di Van Gogh

Erano stati rubati nel dicembre del 2002 al Museum di Amsterdam ad opera delle criminalità organizzata e ritrovate a Castellammare di Stabia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Saranno esposti al Museo di Capodimonte a Napoli da oggi fino al 26 febbraio – previo variazioni – i due dipinti di Vincent Van Gogh rubati nel dicembre del 2002 al Museum di Amsterdam ad opera delle criminalità organizzata.

‘Una congregazione lascia la chiesa riformata di Nuenen’ (1884-1885) e ‘Spiaggia di Scheveningen prima di una tempesta’ (1882), sono state annoverate dall’Fbi tra i top ten art crimes.

Le opere sono state rinvenute lo scorso mese di settembre a Castellammare di Stabia, nel corso di un’indagine della Guardia di Finanza e del pool anticamorra su una banda di narcotrafficanti internazionali, nell’ambito delle indagini nei confronti di esponenti apicali del clan camorristico Amato-Pagano. Oggi al museo partenopeo si è tenuta la cerimonia di riconsegna dei due dipinti alla presenza del sottosegretario Antimo Cesaro, del Comandante Generale della Guardia di Finanza, Gen.C.A. Giorgio Toschi e di numerose autorità nazionali ed estere. “Qui oggi c’è il volto dell’Europa che più ci piace – dice il sottosegretario Cesaro – e mettiamo insieme bellezza e legalità. Un binomio di cui Napoli ha bisogno e su cui governo ha investito”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»