Sono 200 milioni le vittime di mutilazione genitale nel mondo

Ricorre oggi la Giornata mondiale contro le mutilazioni genitali femminili
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ricorre oggi la Giornata mondiale contro le mutilazioni genitali femminili: una pratica che colpisce almeno 200 milioni di donne e di ragazze in almeno 30 Paesi.

LEGGI ANCHE Nice la ribelle, nuova guida per il Kenia

Il fenomeno, confermano i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), resta radicato soprattutto in Africa e in Medio Oriente. In assoluto i Paesi dove è più diffuso in termini percentuali sono Somalia (98 per cento), Guinea (97 per cento), Gibuti (93 per cento), Egitto (91 per cento), Eritrea (91 per cento) e Mali (93 per cento).

LEGGI ANCHE Mutilazioni genitali, le ex ‘tagliatrici’ che ora lottano contro

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»