Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Juventus-Napoli, Asl Torino: “Zielinski, Rrahmani e Lobotka non possono giocare”

calcio
"Se ci saranno positivi si aprirà tutto un altro scenario"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Caos Juventus-Napoli. Nella giornata di ieri due Asl napoletane hanno adottato decisioni differenti: la Asl Napoli 1 ha lasciato partire la squadra per Torino pur dichiarandola un focolaio; all’arrivo in città, poi, l’Asl Napoli 2 ha messo in quarantena Zielinski, Lobotka e Rrahmani perché contatti di positivi senza terza dose.

LEGGI ANCHE: Serie A, la Lega Calcio fa guerra alle Asl: ricorrerà al Tar

I provvedimenti delle Asl devono essere rispettati– spiega Carlo Picco, direttore dell’Asl di Torino, interpellato da Il Napolista- Se la partita rientra nel rispetto del provvedimento dell’Asl si può giocare, altrimenti no. Secondo me chi è in quarantena non può giocare. Può lavorare se ha una terza dose, con le tipologie di attenzione indicate, comprese le mascherine, ma non so se si può giocare con le mascherine. È uno scenario nuovo, mai verificato”.

Riguardo ai due provvedimenti diversi da parte delle due Asl, Picco risponde: “Non mi stupisce, sono aziende diverse e fanno valutazioni diverse. Conta che i provvedimenti vengano rispettati. Se uno è in quarantena deve stare a casa, poi bisogna vedere che tipo di quarantena è. Se è attiva può lavorare, bisogna poi vedere con quali requisiti. Si assume la responsabilità del provvedimento chi lo fa e chi lo applica”.

Su cosa aspettarsi nelle prossime ore, il direttore della Asl di Torino è fatalista: “Se emergeranno altri positivi li prenderemo in carico, se saranno registrati in piattaforma entreranno nel nostro circuito e andranno in isolamento. È evidente che se c’è un positivo si attiverà il meccanismo di contact tracing che valuterà ciò che è stato. Se ci saranno positivi si aprirà tutto un altro scenario”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»