Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Salvini: “Schifato dal caso Gregoretti, è persecuzione”

E sulla Libia aggiunge: "l'Italia e l'intera Europa ormai contano zero"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA -“A gennaio ci sara’ anche l’eventuale possibilita’ di un processo nei miei confronti, mi vedete preoccupato? No, piu’ che altro sono schifato e incuriosito.
Schifato perche’ solo in Italia qualcuno puo’ provare a processare con l’ok del Parlamento un ex ministro che ha semplicemente difeso i confini, la sicurezza, l’onore e la dignita’ del suo Paese”. Matteo Salvini, segretario della Lega, lo dice in una diretta Facebook “dalla campagna emiliana”.

“Commentare le gesta di chi e’ al governo in questi giorni- aggiunge Salvini- e’ frustrante. In Libia l’Italia e l’intera Europa ormai contano zero. Sono arrivati i militari turchi, sono partiti da Ankara per arrivare a Tripoli. Ormai in Libia che e’ l’anticamera dell’Italia, la porta di casa nostra per motivi culturali, economici, commerciali, per motivi di sicurezza perche da li’ partono barchini e barconi, ebbene ormai in Libia ci sono i turchi, ci sono i i russi, ci sono i francesi, ci sono gli egiziani. Conte, Di Maio, Renzi e Zingaretti bye bye”.

L’Italia “e’ scomparsa- prosegue Salvini- e ahime’ per rimediare a questi drammi, a questi disastri, a queste incompetenze in politica estera ne servira’ di tempo, peraltro in un momento particolarmente delicato”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»