Rimettersi in forma dopo le abbuffate natalizie: i 10 consigli per partire da una colazione ‘light’

Ecco i suggerimenti per rimettersi in forma dopo i pranzi e le cene delle festivitànatalizie, partendo dal fare una sana colazione
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Tra la cena “tutta in famiglia” della Vigilia, il lauto pranzo di Natale, quello di Santo Stefano e, per finire, l’immancabile cenone di Capodanno gli italiani prenderanno qualche chilo in più che, al termine delle vacanze natalizie, cercheranno in tutti i modi di perdere.

Secondo quanto riporta una ricerca pubblicata dal New England Journal of Medicine, che viene anche incontro al parere di numerosi esperti, le “abbuffate” di Natale farebbero lievitare le bilance di circa 3 chili. Proprio per questo motivo è consigliabile tenere sotto controllo la propria alimentazione, partendo dal primo pasto della giornata, considerato da tutti il più importante. La colazione, infatti, non dovrebbe essere trascurata, soprattutto dopo un periodo in cui il corpo ha assunto una quantità di cibo superiore alla media per via delle festività appena concluse. Ma che cosa assumere? Cereali integrali, latte vegetale ed una buona quantità di frutta fresca sono gli alimenti consigliati.

È quanto emerge da uno studio condotto da Isola Bio Lab, l’osservatorio che analizza i trend legati al mondo della colazione, realizzato attraverso un monitoraggio su oltre 200 fonti tra testate, magazine, portali, blog e community lifestyle internazionali ed un panel di 50 esperti per stilare dei consigli su come rimettersi in forma, dopo le feste, partendo dal fare una buona e sana colazione.

Gli esperti sono tutti concordi nell’affermare che la colazione sia il pasto più importante della giornata e, su questo, lo sono anche diverse celebrities del mondo hollywoodiano che ne hanno fatto una vera e propria tendenza. Khloe Kardashian, sorella di Kim, secondo quanto riporta la rivista statunitense People adora mangiare cereali appena sveglia, accompagnati da una tazza di caffè. Su Bon Apetit si legge che la ex star di Friends Jennifer Aniston, invece, riponga molta attenzione nel fare colazione e, fra i diversi alimenti che le piacciono, figura il latte di mandorla. La cantante Beyoncé, infine, secondo quanto sostiene Cosmopolitan, è solita iniziare la propria giornata con delle uova strapazzate, un frullato vegetale e dei cereali integrali.

“In occasione dei pranzi e delle cene tipiche del periodo natalizio – commenta il Gastroenterologo e Nutrizionista Luca Piretta, docente presso l’Università Campus Biomedico di Roma – gli italiani, in media, prendono dai 2 ai 3 chili. Per correre ai ripari dobbiamo tenere presente che fare una colazione che sia buona e, allo stesso tempo, sana è fondamentale: si dovrebbero quindi assumere latte e yogurt per il calcio, vitamina D e proteine; cereali con fibre o fette biscottate integrali, per un apporto di carboidrati, fibre, vitamine e minerali ed un frutto o una spremuta per le vitamine ed i polifenoli contenuti. Proteine, sali minerali e fitosteroli provengono invece, per chi le preferisce, dalle bevande vegetali, di cui consiglio quelle di soia. Che cosa fare, infine, per rimettersi in forma? Oltre a ridurre le calorie nel loro complesso, evitare i dolci per almeno quindici giorni e limitare gli alcolici, consiglio soprattutto di fare una regolare e adeguata attività fisica”.

Il tema della colazione è stato trattato anche in diversi libri, fra cui “The Breakfast Book” dello storico e linguista Andrew Dalby. Il pasto più importante della giornata è anche uno fra i più diversi: la colazione, infatti, cambia da famiglia a famiglia e da paese a paese, anche se le persone tendono a mangiare le stesse cose ogni giorno. Da quella all’americana alla giapponese, passando per la spagnola e l’inglese: l’opera racconta le diverse storie nel tentativo di individuare le più svariate possibilità di fare colazione alla mattina.

I 10 CONSIGLI DEGLI ESPERTI PER FARE UNA COLAZIONE “LIGHT”

1) Focus sulla “leggerezza”. Assumere alimenti “light”, ma che siano anche ricchi di gusto: da una bevanda vegetale (soia, mandorla, avena…) ad una coppetta di frutta fresca, passando per dei cereali integrali e centrifugati di verdura;

2) Ruotare il tipo di colazione. Ascoltare il corpo e le proprie esigenze: se si vuole avere un effetto depurativo, per esempio, potrebbe essere utile preparare un piatto di frutta e verdura di stagione;

3) La parola chiave è “Breakslow”. Ricordarsi di rilassarsi e prendersi il giusto tempo, godendosi appieno il rituale del pasto più importante della giornata, condividendolo con la famiglia o con le persone a cui si vuole più bene;

4) Meglio a casa che fuori. Rinunciare, almeno quando si è in vacanza, al classico “cornetto e caffè” al bar: fra le mura domestiche, infatti, ci sono più possibilità di scelta;

5) Farla sempre. Saltare la colazione provocherebbe ulteriore appetito e, conseguentemente, l’individuo sarebbe portato a mangiare ancora di più a pranzo e a cena;

6) Dolce, ma anche salato. C’è chi adora consumare una colazione “dolce” e chi, invece, predilige quella “salata”. In quest’ultimo caso sono consigliati alimenti come prosciutto, ricotta, bresaola e uova;

7) Bio è ancora meglio. Mangiare biologico, infatti, è sinonimo di prodotti sicuri a “etichetta pulita”, senza l’aggiunta di ingredienti artificiali;

8) Non aspettare, farla subito. Se ci si dovesse svegliare con poco appetito, sarebbe consigliato aspettare al massimo un’ora per poter mangiare qualcosa;

9) Il “riciclo” è cosa buona e giusta. A colazione possono essere mangiati, se avanzati, una fetta di panettone o pandoro, che possono essere abbinati ad un bicchiere di latte vegetale;

10) Non dimenticare di fare anche attività fisica. Una camminata in centro, una sciata tra le vette innevate, ma anche una nuotata in piscina sono l’ideale per tornare in forma dopo un periodo di grandi abbuffate;

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

6 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»