Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Trivelle, Costa: “Mai firmate autorizzazioni. I permessi di questi giorni colpa del precedente governo”

ROMA - "In questi giorni si sta scrivendo e dicendo tanto sul tema delle trivelle" però "da quando sono ministro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “In questi giorni si sta scrivendo e dicendo tanto sul tema delle trivelle” però “da quando sono ministro non ho mai firmato autorizzazioni a trivellare il nostro Paese e i nostri mari e mai lo farò. Non sono diventato Ministro dell’Ambiente per riportare l’Italia al Medioevo economico e ambientale. Anche se arrivasse un parere positivo della Commissione Via, non sarebbe automaticamente una autorizzazione. Voglio che sia chiaro”. Sergio Costa, ministro dell’Ambiente, lo scrive su Facebook.

I permessi rilasciati in questi giorni dal Mise sono purtroppo il compimento amministrativo obbligato di un sí dato dal ministero dell’Ambiente del precedente governo, cioè di quella cosiddetta sinistra ‘amica dell’ambiente'”, aggiunge Costa. “Siamo per un’economia differente, per la tutela dei territori e per il loro ascolto”, conclude il ministro.

LEGGI ANCHE: Verdi: “Autorizzate nuove trivelle senza procedura di Via”

“CON DL SEMPLIFICAZIONI VORREMMO BLOCCARE 40 PERMESSI PENDENTI”

“Noi siamo il governo del cambiamento e siamo uniti nei nostri obiettivi. Siamo e resteremo contro le trivelle. Quello che potevamo bloccare abbiamo bloccato. E lavoreremo insieme per inserire nel dl Semplificazioni una norma per bloccare i 40 permessi pendenti come ha proposto il Mise”, dice ancora il ministro Costa su Facebook.

“Anche per questo incontrerò personalmente i comitati Notriv di tutta Italia- aggiunge Costa-. Per lavorare insieme a norme partecipate, inclusive e che portino la soluzione che tutti aspettiamo da anni”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»