Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Salvini: “A Luzzara sindaco anti-cattiveria, poi su Twitter mi dà del coglione”

"Sindaco del Pd emette ordinanza per 'punire' la 'violenza verbale, il rancore, la rabbia', mi dà del 'pagliaccio che
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

“Sindaco del Pd emette ordinanza per ‘punire’ la ‘violenza verbale, il rancore, la rabbia’, mi dà del ‘pagliaccio che punta a infermità mentale’ e del ‘coglione’. Secondo voi questi cos’hanno nel cervello? E quanto volontariato dovrà fare in base alla sua stessa ‘ordinanza’?”. Matteo Salvini, ministro dell’Interno, lo scrive su Twitter a proposito dell’iniziativa del sindaco di Luzzara Andrea Costa.

LEGGI ANCHE: A Luzzara vietata la cattiveria, anche in rete: sindaco emiliano emana ordinanza

C’è da dire che l’ordinanza è stata pubblicata sul’Albo pretorio del Comune di Luzzara il 4 gennaio, mentre gli insulti citati dal ministro dell’Interno risalgono agli ultimi giorni del 2018 (26 e 27 dicembre 2018). Forse la messa al bando di violenza e cattiveria è stata un proposito per il nuovo anno?

È abbastanza semplice da dire: al Ministero degli Interni c’è un coglione pericoloso #Pesaro #Sicilia #Catania #Nutella

— Andrea Costa (@costandrea15) 26 dicembre 2018

Ormai è chiaro, il pagliaccio ministro degli Interni @matteosalvinimi punta alla infermità mentale per uno sconto di pena. Non accadrà: dovrai rendere conto delle tue boiate senza attenuanti #facciamorete

— Andrea Costa (@costandrea15) 27 dicembre 2018

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»