Migranti, Orfini: “È razzismo, Di Maio Salvini e Fico corresponsabili”

ROMA - "Prima donne e bambini. Questa è la regola in caso di emergenza. Si dice 'prima' perché subito dopo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Prima donne e bambini. Questa è la regola in caso di emergenza. Si dice ‘prima’ perché subito dopo scendono i padri. Leggo una incredibile intervista di Di Maio che si dice pronto ad accogliere ‘solo’ le donne e i bambini presenti sulla Sea Watch, pur potendo senza alcun problema salvare tutti insieme. Basterebbe assegnare un porto italiano e far sbarcare le due navi. E invece no. La sua soluzione è smembrare le famiglie, aggiungendo a un trauma un altro trauma: non poter dire a quelle donne e ai quei bambini cosa ne sarà dei loro padri. Se vivranno o se morranno per mare. Perché il destino di quegli uomini a Di Maio non interessa“. Lo scrive su facebook Matteo Orfini, presidente Pd.

“Questa- aggiunge- sarebbe l’articolazione di posizioni nella maggioranza. Questa la differenza tra il M5s ‘che guarderebbe a sinistra’, e la Lega. La verità è solo una: non c’è alcuna differenza tra Salvini, Di Maio e Fico. C’è solo uno stucchevole gioco delle parti che serve esclusivamente a mantenere il potere. Quello che il governo sta facendo e il modo e gli argomenti con cui lo sta giustificando ha un solo nome: razzismo. E di queste politiche razziste Di Maio, Salvini, Fico e ogni singolo parlamentare che le sostiene sono corresponsabili. Ci risparmiassero questa pantomima dei distinguo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»