Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sea Watch, Salvini: “Porti restano chiusi”. Di Maio avalla linea dura ma dice: “Decide il governo”

ROMA - Sulla vicenda Sea Watch ha scavalcato Matteo Salvini? "Ma no, assolutamente. Non ho sentito Salvini dire che donne
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sulla vicenda Sea Watch ha scavalcato Matteo Salvini? “Ma no, assolutamente. Non ho sentito Salvini dire che donne e bambini devono rimanere sulle navi. Anzi. Ci siamo sentiti. Sono d’accordo sulla linea dura: non possiamo assumerci da soli i problemi dell’Unione Europea sui migranti”. Luigi Di Maio, vicepresidente del consiglio e ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, lo dice intervistato dal Corriere della Sera.

LEGGI ANCHE: Seawatch, Di Maio: “Malta li faccia sbarcare, noi li accoglieremo”

“Abbiamo dato la disponibilità ad accogliere circa dieci persone: si tratta di donne e bambini e sia Malta sia Sea Watch fanno ostruzionismo, non permettendo lo sbarco e tenendoli a bordo”, attacca Di Maio, “l’Ong la butta in politica. Io, noi come governo, vogliamo che vengano tutelati donne e bambini. Che sbarchino a Malta e li accoglieremo”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Saviano a Salvini: “Smetti di fare il pagliaccio, apri i porti”

SALVINI: PORTI ITALIANI SONO E RIMARRANNO CHIUSI

“‘L’Italia non è Salvinia’ dicono quelli della Ong Sea Eye. Fate quello che volete, ma per chi non rispetta le leggi i porti italiani sono e rimarranno chiusi“. Lo scrive su facebook Matteo Salvini, vicepremier e ministro dell’Interno.

DI MAIO:”DECIDE IL GOVERNO”

Nel corso della giornata, però, Di Maio manda a dire che la decisione è del governo. “A Salvini nessuno vuole togliere il potere di decidere, però questa è una decisione che prende il Governo intero, come abbiamo sempre fatto”, dice infatti parlando all’Aquila. Lo dice ribadendo al tempo stesso che è d’accordo con “la linea che abbiamo portato avanti come Governo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»