Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Leader italiani uniti: “Ci vaccineremo”, ma Salvini chiede garanzie

Salvini: "Pretendo totale garanzia visto che di chiacchiere ne abbiamo sentite abbastanza, ora anche il vaccino cinese in Turchia…”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si sottoporranno alla somministrazione non appena le dosi saranno disponibile in Italia. Certi Crimi, Zingaretti, Tajani e Renzi. Anche Meloni si dimostra disponibile mentre Salvini mostra qualche perplessità in più e chiede massima garanzia sulla sicurezza. E’ quanto emerge dal confronto sull’argomento avuto dai leader politici ospiti di Sky Tg24. “Farò assolutamente il vaccino- assicura il capo politico M5S Vito Crimi- e non ho alcun problema a dimostrare che lo faccio”.

LEGGI ANCHE: Covid, il 78% degli italiani: “Conte e Speranza, vaccinatevi pubblicamente”

Lo stesso vale per Nicola Zingaretti. “Anche se sono ancora immune- spiega il segretario PD – da ex malato dico che il vaccino va fatto. Alcune malattie non esistono piu’ grazie ai vaccini, su questo la responsabilità è individuale e collettiva”. Matteo Renzi cita invece l’esempio americano, con tre ex presidenti – Obama, Bush, Clinton – che hanno gia’ annunciato di volersi vaccinare. “Sarebbe bello se i leader italiani facessero lo stesso- auspica il leader di Italia Viva- per dimostrare che è finito il tempo dei no vax in questo Paese“. Anche il vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani, non ha dubbi. “Ho fatto per tanti anni il giornalista e ho rappresentato le Istituzioni- ricorda- sono vaccinato contro tutte le malattie e non appena possibile farò anche quello contro il covid”. “Li ho sempre fatti- confessa la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni- quando sarà disponibile farò quello che mi dice di fare il mio medico di base”. Un po’ più perplesso Matteo Salvini. “Non avrò alcun problema a farlo- conclude il leader della Lega- ma deve essere assolutamente sicuro perché riguarda la salute di 60 milioni di italiani. Quindi pretendo totale garanzia visto che di chiacchiere ne abbiamo sentite abbastanza, ora anche il vaccino cinese in Turchia…”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»