Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Azzolina: “Consegnati 2,4 milioni di banchi, mai successo prima”

La ministra difende le sue scelte: "Le chiacchiere passano, i fatti restano"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Oggi le scuole hanno 2,4 milioni di banchi nuovi. Le consegne sono state praticamente completate”. Lo scrive oggi su Facebook la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina. Nel post la ministra ha ringraziato il commissario Domenico Arcuri e l’Esercito, “che ci ha supportato nella consegna durante l’emergenza”.

“In questi mesi è stata fatta tanta ironia su questi banchi– ha aggiunto- Sulle sedute innovative, che molte scuole hanno richiesto per migliorare la didattica in classe, favorendo, oltre al distanziamento, il lavoro di gruppo per il futuro, sono stati fatti meme, tante battute (alcune anche divertenti, a dire il vero) e attacchi feroci. C’è chi ha usato il termine ‘banchi a rotelle’ per prendere in giro me, senza rendersi conto di offendere uno strumento che centinaia di istituzioni scolastiche già utilizzavano proficuamente in classe e in laboratorio- ha scritto Azzolina- Tanti parlavano e continuano a parlare di scuola senza conoscerla, avendola solo frequentata qualche anno fa. Sui banchi tradizionali monoposto qualcuno ha detto che non servivano, che abbiamo buttato soldi. Senza sapere, magari, che i nostri studenti sedevano su sedie malmesse e spesso utilizzavano banchi di qualche decennio fa”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»