Aism e Sant’Egidio insieme: “A Natale regaliamo il panettone sospeso”

L'idea riprende la storica tradizione napoletana del caffè sospeso. In questo modo sarà possibile fare bene due volte: alla ricerca e alle famiglie fragili
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Quest’anno sarà un Natale diverso, ma l’intento è quello di far sì che sia pur sempre una festa. Sarà un Natale “sospeso”. Forse un po’ meno gridato o un po’ piu’ essenziale per tutti, visto che a causa della pandemia sono sempre di più le persone che chiedono aiuto e si rivolgono in decine di migliaia alle mense e ai centri della Comunita’ di Sant’Egidio. E’ per l’altra metà di noi, quella più fragile, quella più sola e in difficoltà che AISM, Associazione Italiana Sclerosi Multipla e la Comunità di Sant’Egidio si uniscono per offrire il calore e la gioia di una festa, per essere più forti, insieme, contro la pandemia da coronavirus.

Nasce tra queste due importanti e storiche realtà non profit, in occasione del Natale, l’iniziativa del Panettone Sospeso.

L’idea riprende la storica tradizione napoletana del caffè sospeso. In questo modo sara’ possibile fare bene due volte: alla ricerca e alle famiglie fragili sostenute dalla Comunita’ di Sant’Egidio. Con un gesto semplice e concreto chiunque può moltiplicare la propria bontà e donare due volte, mantenendo intatto, per quel che è possibile, lo spirito del Natale.

Fino al 9 dicembre sul sito www.aism.it/panettonesospeso con una semplice donazione di 10 euro ciascuno di noi potrà fare una doppia azione: sostenere la ricerca scientifica sulla sclerosi multipla e donare il panettone a Sant’Egidio per il Natale che la Comunità organizza preparerà per famiglie povere, anziani e persone senza dimora sul territorio nazionale. Qualunque sia il disagio o la fragilità che le persone vivono, AISM e la Comunità di Sant’Egidio si impegnano insieme per garantire lo spirito della festa e del Natale a tutti.

“AISM nasce per non lasciare nessuno da solo con la propria malattia e con le proprie paure- dichiara Francesco Vacca, presidente nazionale di AISM- Abbiamo scelto di creare questo sodalizio con la Comunità di Sant’Egidio perché rispecchia i nostri stessi valori come la solidarietà, la dignità umana e l’affermazione dei diritti dei più fragili, qualunque sia la natura di tale condizione. Il panettone sospeso rappresenta un po’ il simbolo di tutto ciò: vuole accrescere e condividere un valore e vuole offrire, proprio come si fa con il caffè a Napoli, un momento di festa e un momento di gioia, a chi ne ha bisogno“.

“Il Natale 2020 sarà diverso dal solito- dichiara il portavoce della Comunità di Sant’Egidio, Roberto Zuccolini- ma non mancherà il nostro impegno per essere vicini a chi si trova in difficoltà. Per questo abbiamo accettato volentieri di stringere un’alleanza con AISM attraverso l’iniziativa del panettone sospeso. La crisi si supera con la solidarietà e alleandosi con chi non dimentica i poveri, vecchi e nuovi, che la pandemia ha reso ancora piu’ fragili e bisognosi”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»