Politiche coesione, Studio: “Fondo cruciale per le pari opportunità”

Lo ha spiegato in aula Manuela Samek Lodovici, coordinatrice dello studio “Politica di coesione: il ruolo del Parlamento europeo dal Trattato di Lisbona”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Alessio Pisanò

BRUXELLES – “Il fondo di coesione europeo è più facile che venga usato per le pari opportunità perché promuove inclusione sociale, istruzione, sostegno all’occupazione e formazione individuali, mirate a singoli, ed è un fondo cruciale per le pari opportunità”, ha spiegato in aula Manuela Samek Lodovici, coordinatrice dello studio “Politica di coesione: il ruolo del Parlamento europeo dal Trattato di Lisbona” commissionato dalla commissione sviluppo regionale del parlamento. 

Lo studio valuta in che modo la dimensione di genere e il principio della parità siano stati inclusi nella politica di coesione 2014-2020 e intende riflettere sia sui risultati positivi sia sulle criticità, in modo da poter fare una previsione per il prossimo settennato, e quindi migliorare il processo verso la parità di genere per il periodo successivo al 2020.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»