Inaugurato a Bari l’Irccs Maugeri, Emiliano: “Istituto fondamentale per la riabilitazione”

"Un ospedale che sia il più possibile al servizio del paziente", dichiara il direttore Mauro Carone a margine della cerimonia inaugurale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – “Abbiamo fatto un ospedale che sia il più possibile al servizio del paziente. Vogliamo fare in modo che i pazienti che accedono ai nostri reparti per la riabilitazione, possano avere il miglior servizio e supporto possibile”. Lo ha detto Mauro Carone, direttore dell’Irccs Maugeri Puglia – Campania, a margine della cerimonia inaugurale della sede di Bari.

Si tratta di un ospedale per la Medicina riabilitativa del Sud che ha lasciato Cassano delle Murge (in provincia di Bari) per offrire una nuova idea di ospedale capace di coniugare ricerca e tecnologia.

“Abbiamo un servizio di terapia occupazionale, che per noi è un fiorellino all’occhiello, di cui una parte è stata donata da un nostro ex paziente produttore di cucine, che permetterà al paziente con grave disabilità di imparare come rientrare nel proprio domicilio“, evidenzia Carone.

Tra le chicche ci sono una palestra digitale che consente di svolgere tutte le linee di attività della medicina riabilitativa e un laboratorio di trascrittomica, ovvero un laboratorio di genetica che mira a caratterizzare le basi molecolari di uno stato patologico per elaborare protocolli terapeutici con minori effetti indesiderati.

Abbiamo riutilizzato questa struttura che era abbandonata da tanti anni e che, assieme al lavoro che da sindaco ho avutola possibilità di fare proprio in questo quartiere che è stato totalmente bonificato e rimesso a posto, è chiaro che questa è una chicca importante.

EMILIANO: “ISTITUTO FONDAMENTALE PER LA RIABILITAZIONE”

Bari beneficia in questo momento anche del recupero delle linee di traffico2, ha dichiarato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. “Rispetto al nostro Piano di riordino, l’apertura di questa struttura è estremamente importante perché si trova in un luogo logisticamente capace di servire la Puglia intera, vicino all’imboccatura dell’autostrada, alle principali arterie, alla tangenziale, a diversi ospedali, l’oncologico, il Policlinico di Bari e il Di Venere, il San Paolo – ha sottolineato il governatore – Consentirà anche un buon collegamento con il Miulli e con le altre strutture che man mano stiamo aprendo compreso il Centro Risvegli per chi esce o è in uno stato di coma. Sono tutte questioni collegate al principio di dividere gli ospedali tra quelli per acuti e quelli legati alle malattie croniche e alla riabilitazione”. “Questo è un istituto fondamentale per la riabilitazione: ci sono guarigioni veloci e ci sono guarigioni più lente che hanno bisogno di molto lavoro che alle volte è più importante dell’intervento chirurgico, più importante della cura della malattia in sé per sé, perché la cura alle volte è invalidante e crea problemi che devono essere risolti successivamente”, ha continuato Emiliano evidenziando che “avere una struttura del genere qui peraltro riduce la mobilità passiva”, ha aggiunto.

“Colgo l’occasione per ringraziare tutta la comunità di Cassano delle Murge che ha ospitato questa struttura per tanti anni e che ha consentito al Maugeri di crescere. Ringrazio tutti per il lavoro che è stato fatto.

Il nostro impegno – ha poi concluso Emiliano – è nel rimettere tutto in ordine: ogni volta che si muove sulla scacchiera una pedina bisogna poi considerare tutti gli effetti collaterali, questo è il nostro lavoro”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»