Basilicata, presentata mozione per la farmacia dei servizi

Lo scopo è quello di "garantire soprattutto ai residenti nelle zone più disagiate una serie di servizi provenienti direttamente dal territorio"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – “Valorizzare le potenzialità della farmacia dei servizi quale vero e proprio avamposto di prima assistenza sanitaria, in grado di garantire ai cittadini, soprattutto se residenti nelle zone più disagiate della regione, una serie di servizi sanitari provenienti direttamente dal territorio“. È l’obiettivo della mozione presentata dai capigruppo di Fratelli d’Italia, Giovanni Vizziello, e di Idea, Vincenzo Baldassarre, con la quale si impegna la giunta regionale a promuovere il nuovo modello della Farmacia dei servizi introdotto dalla legge 69/2009, utilizzando anche le risorse provenienti dalla Strategia per le aree interne.

I servizi da attivare riguardano l’accesso alle prestazioni del servizio sanitario, i programmi di prevenzione e di educazione sanitaria, il monitoraggio dell’aderenza alla terapia farmacologica, l’erogazione di prestazioni analitiche di prima istanza, l’assistenza domiciliare quale strumento ottimale di gestione della cronicità e la distribuzione per conto delle strutture sanitarie di farmaci altrimenti erogati a distribuzione diretta.

La mozione nasce dalla rilevazione “dei mutamenti epidemiologici e nuovi bisogni di salute particolarmente rilevanti in Basilicata, regione nella quale – hanno spiegato i consiglieri – si registra la più elevata percentuale d’Italia di cittadini residenti affetti da almeno due malattie croniche (cosiddetta multicronicità), vale a dire il 25,7 per cento dei residenti, ben cinque punti percentuali in più della media nazionale”.

In tale contesto, “la farmacia dei servizi – hanno concluso Vizziello e Baldassarre – si configura come vero e proprio avamposto di prima assistenza nelle aree cosiddette disagiate e cioè territorialmente marginali rispetto ai centri di erogazione dei servizi sanitari, contribuendo di fatto ad incrementare la fruibilità dei livelli essenziali di assistenza”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»