La sindaca di Danzica a Roma: “Vorrei un’Europa più solidale”

Dulkiewicz: "E' importante prendersi cura delle diversità"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Che Europa vorrei? Un’Europa piu’ solidale, perche’ la solidarieta’ spesso manca in Polonia, manca in Italia e manca in tanti Paesi d’Europa”. Lo ha detto la sindaca di Danzica, Aleksandra Dulkiewicz, intervenendo a un incontro organizzato a ‘Piu’ libri piu’ liberi’, la fiera della piccola e media editoria di Roma. Dulkiewicz e’ stata eletta sindaca, la scorsa primavera, con l’82% dei voti in sostituzione di Pawel Adamowicz, suo predecessore assassinato a gennaio da uno squilibrato.

Giurista, progressista, femminista, la neo sindaca ha lavorato per oltre cinque anni nel Centro europeo di solidarieta’ voluto da Adamowicz all’interno dei cantieri navali di Danzica, citta’ portuale con una storia millenaria. Citta’ in cui nacque, grazie a Lech Walesa, il movimento di Solidarnosc. “Oggi sentiamo fortemente quanto e’ indispensabile Solidarnosc – ha sottolineato Dulkiewicz -.

Io ogni mattina mi sveglio e mi chiedo come posso aiutare la mia citta’ ad essere sempre piu’ solidale. Per me essere solidali significa prendersi cura delle diversita’. Le politiche messe in campo finora, penso all’introduzione del trattamento di pari opportunita’ per tutti, vanno proprio in questa direzione. Danzica vuole prendersi cura delle diversita’”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»