Il debito italiano spaventa l’eurogruppo, ma Dijsselbloem rassicura: “No a misure aggiuntive”

Riunito oggi a Bruxelles, l'Eurogruppo analizza la situazione italiana alla luce del risultato referendario
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

fondi europei ueBRUXELLES – “Invitiamo l’Italia ad adottare le misure necessarie per garantire che il bilancio 2017 sia compatibile con le norme del braccio preventivo del patto di stabilità e crescita. Il livello elevato del debito in Italia rimane un motivo di preoccupazione”. E’ quanto si legge nella nota dell’Eurogruppo che si è riunito oggi a Bruxelles.

“Ricordiamo- prosegue la nota- l’impegno di utilizzare le entrate inaspettate o risparmi di spesa imprevisti nel 2017 e intensificare gli sforzi di privatizzazione per portare il rapporto debito su un percorso discendente“.

A rassicurare l’Italia, però, ci pensa Jeroen Dijsselbloem, presidente dell’Eurogruppo, che su Twitter annuncia: “Ho parlato con il ministro italiano Padoan oggi. A causa della situazione politica è impossibile per l’Italia impegnarsi ora a prendere misure di bilancio aggiuntive“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»