Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, la Germania colpita dalla quarta ondata pensa alla terza dose per tutti

vaccino
Alcuni land tedeschi hanno trasferito pazienti Covid presso altri ospedali fuori regione, a causa della saturazione di alcune unità di terapia intensiva
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Germania apre alla terza dose per tutti. E’ quanto emerge dalla conferenza stampa in cui il ministro della Salute tedesco Jens Spahn si è detto d’accordo con i responsabili sanitari dei vari land per estendere a tutti la dose booster di vaccino anti-Covid, sei mesi dopo aver ricevuto l’ultima somministrazione. “La quarta ondata è qui e colpisce con tutta la sua forza” ha dichiarato Spahn, aggiungendo che la dose di richiamo “serve a fermare questa ondata”.

Il Paese ha registrato 37.120 casi nelle ultime 24 ore, secondo i dati del Robert Koch Institute, l’incidenza è salita a 169,9 casi per 100mila abitanti e supera il record del giorno precendente. Per coloro che non sono completamente immunizzati il RKI definisce il rischio da ‘alto’ a ‘molto alto’. La Germania ha immunizzato il 67% della popolazione eleggibile, pari a 112,8 milioni di dosi somministrate, secondo i dati del ministero della Salute e aggiornati a oggi 5 novembre.

Alcuni land tedeschi hanno trasferito pazienti Covid presso altri ospedali fuori regione, a causa della saturazione di alcune unità di terapia intensiva, che in Germania sono aumentate negli ultimi anni di quasi il 40%, arrivando a 31,8 posti per 100mila abitanti, il numero più alto in Europa, posti collocati nei 1260 ospedali attrezzati per la rianimazione.

Non a caso Spahn ha dichiarato: “chi crede che il virus non è cattivo ed è esitante o incerto sulla vaccinazione, come anche i giovani, in buona salute e non vulnerabili, dovrebbe parlare con il personale sanitario delle unità di terapia intensiva“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»