Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Anche da Pfizer una pillola per curare il Covid: “Efficace all’89% contro ospedalizzazione o morte”

pillola_medicina_farmaci
Ad Albert Bourla: "Punto di svolta per fermare devastazione da pandemia"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dopo l’ok della Gran Bretagna al farmaco anti-Covid Merck, Pfizer presenta i risultati della sua pillola contro il Coronavirus. L’azienda ha annunciato oggi che il suo nuovo candidato antivirale orale anti Covid-19, Paxlovid, riduce significativamente, fino all’89%, i rischi di ospedalizzazione o decesso. I dati sono emersi da uno studio randomizzato in doppio cieco effettuato su 1.219 pazienti adulti non ospedalizzati con Covid-19 ad alto rischio di progredire verso una forma di malattia grave. I pazienti provenivano da centri di sperimentazione clinica in tutto il Nord e Sud America, Europa, Africa e Asia, con il 45% dagli Stati Uniti. In dettaglio, l’analisi ha dunque messo in luce una riduzione dell’89% del rischio di ospedalizzazione o morte per qualsiasi causa correlata a Covid-19 rispetto al placebo nei pazienti trattati entro tre giorni dall’insorgenza dei sintomi (endpoint primario).

LEGGI ANCHE: Regno Unito primo Paese ad approvare un farmaco per curare il Covid

Via libera dell’Ema all’uso in emergenza del farmaco anti-Covid Merck

Lo 0,8% dei pazienti che hanno ricevuto il farmaco di Pfizer è stato ricoverato fino al giorno 28 dopo la randomizzazione (3/389 ospedalizzati senza decessi), rispetto al 7,0% dei pazienti che hanno ricevuto il placebo e sono stati ospedalizzati o sono deceduti (27/385 ospedalizzati con 7 decessi successivi). Riduzioni simili di ospedalizzazione o decesso correlati a Covid-19 sono state osservate in pazienti trattati entro cinque giorni dall’insorgenza dei sintomi. Lo 0% dei pazienti che hanno ricevuto Paxlovid è stato ricoverato in ospedale fino al giorno 28 dopo la randomizzazione (6/607 ospedalizzati, senza decessi), rispetto al 6,7% dei pazienti che hanno ricevuto un placebo (41/612 ospedalizzati con 10 decessi successivi), con un’elevata statistica significatività. Nella popolazione complessiva dello studio fino al giorno 28, non sono stati segnalati decessi nei pazienti che hanno ricevuto Paxlovid rispetto a 10 (1,6%) decessi nei pazienti che hanno ricevuto il placebo.

Il presidente e amministratore delegato di Pfizer, Albert Bourla, ha affermato che “la notizia di oggi è un vero punto di svolta negli sforzi globali per fermare la devastazione di questa pandemia. Questi dati suggeriscono che il nostro candidato antivirale orale, se approvato o autorizzato dalle autorità di regolamentazione, ha il potenziale per salvare la vita dei pazienti, ridurre la gravità delle infezioni da Covid-19 ed eliminare fino a nove ricoveri su dieci”, ha concluso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»