A Trento giovane lupa arriva in tangenziale: investita e uccisa

L'animale si era avvicinato alla città probabilmente perchè si stava spostando dopo essersi abbandonato il branco di appartenenza
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

TRENTO – Una giovane lupa di circa due anni di età è stata investita ed uccisa la notte scorsa lungo la tangenziale di Trento all’altezza della località Campotrentino. Gli esami veterinari hanno rivelato che si trattava di una femmina in buono stato di salute, di 26,4 chilogrammi.

Con tutta probabilità, l’animale era ‘in dispersione’ rispetto al branco di appartenenza (da cui quindi si era allontanato) ed è per questo che si era spinto in una zona così vicino alla città. Quando i lupi abbandonano il branco e si spostano (fenomeno comune che avviene per cercare un nuovo territorio da occupare o un compagno con cui dare un nuovo branco), spiegano gli esperti, percorrono anche molte centinaia di chilometri e non è raro che attraversino anche aree di fondovalle fortemente urbanizzate quale quello della valle dell’Adige. Per i lupi si tratta di un momento di transizione molto duro e rischioso (in Nord America sono stati riportati casi di dispersione con distanze fino a 900 chilometri).

Nella nota della Provincia di Trento è spiegato che il cadavere del lupo è stato ritrovato stamattina dopo una segnalazione al 112: dell’investimento che è stato fatale all’animale, però, nulla si sa. Il corpo è stato recuperato dai Vigili del fuoco permanenti di Trento. Aveva numerose fratture, compreso un trauma cranico, fanno ritenere che la morte con ogni probabilità sia dovuta ad un investimento.

13 I BRANCHI IN PROVINCIA DI TRENTO

Nel territorio della provincia di Trento, ricorda ancora la nota, sono  presenti 13 branchi di lupo, censiti a fine 2019: il loro numero sta aumentando come avviene nel resto delle Alpi. Sono frequenti, poi, appunto, i casi di giovani esemplari “in dispersione”, quale era, con ogni probabilità, anche quello investito la notte scorsa. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

5 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»